Juan Martin del Potro colpisce ancora

Il favorito dei fan del tennis parla con Tinews di 'tennis emotivo', del motivo per cui ha il rispetto di Roger Federer e di quanto sia andato vicino al ritiro.

Hai paura del tuo corpo? chiedo a Juan Martín del Potro. Il 6'6 argentino incombe su di me come un lampione. Sta zitto per un momento. Sa che gli sto davvero chiedendo: Hai paura che il dolore ritorni?

tagliaunghie cinese con lama di coltello dozzina

Nove anni fa, del Potro era ai vertici del tennis mondiale. Ha battuto Rafael Nadal e Roger Federer back-to-back per vincere gli US Open 2009 e sembrava pronto a vincere molti altri titoli. Ma una serie di infortuni lo ha tenuto fuori dal campo per anni, trasformando quella speranza per il futuro in una parabola di potenziale perdita. Ma questo è il secondo atto di Del Potro. Nel 2018, ha giocato alcuni dei suoi migliori tennis fino ad oggi ed è tornato in cima alla classifica. Attualmente è terzo, appena dietro—avete indovinato—Nadal e Federer.



Mi guarda, pensando alla mia domanda. Il suo viso è ombreggiato da una fitta barba. Alcuni giocatori della sua altezza sono così magri da sembrare quasi magri, ma la struttura di del Potro è solida, ampia. I suoi arti incredibilmente lunghi sembrano corde spesse, spingendolo in avanti con forza fluida mentre mi conduce dalla hall dell'hotel in un cortile soleggiato che si affaccia sulla Biscayne Bay di Miami. Ci sediamo in riva al mare, ma lui tiene le spalle alla vista mozzafiato. Dietro di noi, a sud della baia, è appena iniziata la finale maschile del Miami Open Masters.



Non temo più il mio corpo, dice, finalmente. Ma sono stanco. È una grande sfida per me rimanere in salute per tutto l'anno. E questa è la cosa più importante: essere semplicemente in grado di giocare a tennis.



Pochi giorni prima, c'era stato un momento spaventoso nella sua partita contro Milos Raonic. Del Potro stava inseguendo una palla a metà ed è caduto a tutta velocità fuori dal campo e nella fossa dei fotografi. Rimase lì per un minuto, piegato in due, il viso nascosto. La folla rimase a bocca aperta e poi rimase in silenzio, in attesa, temendo il peggio. Qualcuno seduto vicino a me sugli spalti ha incantato in un sussurro: No no no no no, non lasciare che si ferisca, non di nuovo. Ma del Potro alla fine è uscito dalla fossa ed è tornato sulla linea e, tremante, ha continuato a giocare, vincendo di misura l'incontro.

In un'intervista a margine, l'allenatore di Raonic, Goran Ivanišević, ha liquidato la prolungata permanenza di del Potro nella fossa dei fotografi come mera teatralità. Del Potro si comporta come se fosse ferito. Camminare lentamente. È un maestro nel farlo. L'ha fatto anche a Indian Wells, contro Milos.



Quando cito la valutazione di Ivanišević, del Potro fa una smorfia e scuote la testa. Non ho mai fatto un finto infortunio o qualcosa del genere. Se sembro stanco, sofferente, è perché questo è vero. Devo fare due o tre ore di trattamenti ogni giorno solo per poter entrare in un campo da tennis. Il mio corpo è davvero sfinito. Questo dolore fa parte della mia vita e ci gioco la partita. E poiché nessun altro giocatore ha passato quello che ho passato io in termini di infortuni, battute d'arresto, è difficile per loro capire.

Dubbi come quello di Ivanišević nascono dal fatto che il gioco di del Potro racchiude in sé dei contrasti disorientanti, tanto che vederlo giocare è, a volte, un esercizio di dissonanza cognitiva. Cammina per il campo con passi lenti e languidi, in qualche modo sembrando sia esausto che elegante. Si dirige verso la linea di fondocampo e poi, quando inizia il punto, improvvisamente è balzato incontro alla palla con una velocità e un'agilità che dovrebbero essere impossibili per un uomo della sua stazza. Il suo eccezionale movimento gli permette di arrivare a tiri che avrebbero dovuto superarlo; il suo equilibrio quando colpisce un dritto in corsa gli permette di trasformare la difesa in attacco all'istante. Non solo riesce a raggiungere la palla, ma spesso restituisce un vincitore a sua volta. Lascia i suoi avversari increduli, guardandolo come se fossero stati ingannati.