Kevin Durant e i Golden State Warriors si rendono perfetti a vicenda

Dopo la vittoria di ieri sera, il 2017 non sarà semplicemente ricordato l'anno in cui i Warriors hanno reclamato la loro eredità. Sarà l'anno in cui Kevin Durant si è davvero affermato.

I Warriors potrebbero non esorcizzare mai i fantasmi delle finali dello scorso anno, ma hanno sicuramente riportato la loro dinastia in carreggiata. Con due titoli in tre stagioni, un record di 73-9 nel mezzo e quattro Hall of Famer di età inferiore ai 30 anni, non importa se hanno trovato la redenzione per aver saltato un vantaggio per 3-1 nelle Finals nel 2016. Questa stagione è stata mai di rimediare a una serie disastrosa. E rispetto a ciò che i Warriors sono pronti a fare dopo, il loro epico crollo diventa una questione di prospettiva.

Niente di tutto questo è una sorpresa. Se la stagione 2016-17 è sembrata ripetitiva e senza incidenti, incolpa i Warriors. L'aggiunta di Kevin Durant richiedeva sempre qualche ritocco. Ma KD si è adattato così naturalmente a questa squadra che aggiungerlo è stato un gioco da ragazzi. La rivincita con Cleveland era un dato di fatto e Golden State era il favorito indiscusso, per quest'anno e per il prossimo futuro. I Warriors consolidarono il potere, schierarono risorse e sputarono fuori una squadra che era pericolosamente vicina all'infallibile.



La storia di Kevin Durant, tuttavia, è stata considerevolmente più tesa. Fin dal primo giorno, è stato sottoposto a un esame approfondito e ha dovuto affrontare la sua giusta dose di invettive, anche se meno di quelle che avrebbe dovuto affrontare se LeBron James a Miami non fosse già accaduto. Quasi altrettanto prevalente, tuttavia, era la costernazione per la salute dell'NBA. Non c'erano precedenti per questo calibro di giocatore che si univa a questo calibro di squadra. Anche se sostenevi la libertà di Durant di scegliere il suo datore di lavoro, non potevi fare a meno di sorridere per l'ingiustizia cosmica di tutto ciò.



puoi indossare stivali con un vestito?

Gli attacchi al personaggio di KD erano prevedibili e, se consideri lo sport come un gioco di moralità, probabilmente giustificato. I suoi critici suggerivano insicurezza, disperazione e pigrizia. Altri hanno ipotizzato che Durant stesse semplicemente puntando più in alto di un singolo titolo. Con i Warriors, la posta in gioco sarebbe perennemente elevata, ma se potessero portare avanti il ​​loro immenso potenziale, il suo posto nella storia sarebbe assicurato. Non sapremo mai cosa avrebbe realizzato Durant a Oklahoma City o altrove perché ha optato per qualcosa di completamente più ambizioso: la più grande squadra mai assemblata.



Tuttavia, inizialmente è stato difficile sapere come capire Durant in The Warriors. Non importa quanto fosse eccezionale la squadra prima che arrivasse lì. Golden State aveva uno stile di gioco ermetico, una personalità distinta e una chimica impeccabile. Il loro sistema è stato ineluttabilmente costruito attorno a Steph Curry, l'MVP in carica. L'aggiunta di un altro giocatore importante al mix, per non parlare di uno dotato come Durant, non sapeva solo di eccesso. Sembrava decisamente innaturale. I Warriors avevano già tutto. Dimentica se meritavano o meno di più. Ne avevano davvero bisogno? E cosa diceva di Durant che fosse così disposto a entrare in questa situazione? Era un ripensamento che comandava anche più gravità di chiunque altro nella squadra, incluso Curry.

Dal punto di vista del basket, il ruolo di Durant è stato chiaro fin dall'inizio. Se i Warriors avevano un punto debole, o almeno un buco nel loro roster mascherato da soluzioni creative, era l'assenza di un'ala dotata che potesse creare dal dribbling. In Durant, hanno ottenuto la versione a livello divino. Mentre si adattava perfettamente all'attacco di Golden State, lo trasformava anche completamente. Improvvisamente, una squadra che si affidava molto al movimento della palla barocco e al tempismo in una frazione di secondo ha avuto la valvola di sicurezza definitiva. In qualsiasi momento, Golden State potrebbe semplicemente calciare la palla a Durant e lasciarlo andare al lavoro. Certo, il tiro dalla lunga distanza di KD si adatta perfettamente e la sua capacità di dominare senza dominare la palla ha giocato ai punti di forza della squadra. Ma il suo punteggio è diventato la linea di fondo della squadra dei Warriors, una virtù che è diventata più pronunciata solo durante la sua torrida corsa ai playoff.