Kevin Durant si sta solo scaldando

nel suo profilo Men of the Year, Kevin Durant del Warrior parla di LeBron James, Rihanna, i giocatori che si svegliano e scalano di nuovo la montagna.

Prima i camerieri a Delhi ha portato a Kevin Durant un piatto di pollo al burro, e poi cosa sembrava…una pizza? Poi un po' di riso, e un bicchiere di tequila, e poi un piatto di samosa. Mi dispiace, disse Durant al cameriere chinandosi sulla sua spalla. Cos'è questo? Indossava una maglietta del tour Morrissey Boxers e jeans neri e cercava di fingere di non poter vedere la lunga fila di persone che cercavano di vederlo. Era atterrato su un jet privato poche ore fa: la prima vera star NBA nella memoria di nessuno a venire fin qui, in India, dove il basket è ancora una novità. Questa cena, sulla terrazza sul tetto di un hotel nell'enclave diplomatica della città e ufficialmente ospitata dalla NBA, era in suo onore. I camerieri ben intenzionati continuavano a cercare di portargli cose. Scotch. Un grembiule, per qualche motivo. Naan. Hanno tirato fuori il pezzo di pane naan più grande che tu abbia mai visto. Dopo alcune conversazioni, Durant è stato convinto a issare il pane in aria fino al bordo superiore della sua apertura alare di due metri, come un uomo che offre un sacrificio a Dio, in modo che il suo ragazzo di YouTube potesse filmare questo momento di scambio culturale per il suo canale YouTube .

Solo sei settimane prima, la squadra di Durant, i Golden State Warriors, aveva vinto le finali NBA in cinque partite. Durant è stato l'MVP della finale. In gara 3, con la sua squadra dietro ai Cleveland Cavaliers a meno di un minuto dalla fine, ha segnato il colpo della sua vita: una tripla, lanciata con disinvoltura e ottimismo come un saluto con la mano, su LeBron James, il suo modello e rivale. Quello è stato il momento migliore che abbia mai avuto, mi ha detto Durant. Ho fatto il colpo vincente in finale contro il mio fottuto idolo. Qualcuno che ho seguito davvero, davvero, davvero da quando ero al liceo. Mi sembrava che mi stesse passando il testimone.



L'immagine può contenere Rivista Umano e Persona

Anche prima che il suo tiro in gara 3 cadesse, sembrava inevitabile che i Warriors avrebbero vinto. Erano arrivati ​​in finale senza aver perso una sola partita di playoff. E Durant, che aveva passato la stagione a essere scelto come cattivo per aver lasciato gli Oklahoma City Thunder - o almeno un uomo più interessato a vincere un campionato che a rimanere, per ragioni sentimentali, nella squadra che lo aveva scelto per la prima volta - stava giocando per il pieno, letale livello delle sue capacità. È stato impietoso: 38 punti nella prima partita della finale, 33 nella seconda, 31 e 35 in gara 3 e 4, e 39 nella partita di chiusura contro una squadra di Cleveland che probabilmente è andata a casa vedendo il setoso, improbabile ed elegante tiro in sospensione di Durant nei loro sogni.



La notte in cui i Warriors hanno vinto il titolo, Durant è uscito dall'arena ubriaco per la birra che aveva bevuto nello spogliatoio, si è fatto strada tra una folla di fan, è salito sulla sua Tesla ed è stato portato a casa, per festeggiare di più. Dopo nove anni spesso frustranti in campionato, era un campione, il miglior giocatore di consenso nella migliore squadra, e ora, nei mesi che seguirono, stava esplorando con entusiasmo cosa significasse. È andato a Las Vegas per festeggiare, alle Hawaii per il paddleboard e in Sicilia, dove ha frequentato il Google Camp con il principe Harry e David Geffen. Ho avuto modo di incontrare persone che non avrei mai pensato di incontrare, mi disse. Ho vissuto a Los Angeles tutta l'estate. Sono stato al Nobu Malibu per il 4 luglio. Circa un anno fa, l'NBA gli ha chiesto se forse sarebbe venuto a fare il loro ambasciatore di basket per qualche giorno in India, e lui ha acconsentito: la sua fondazione di beneficenza potrebbe sfruttare l'occasione per costruire un paio di campi lì. Si sentiva come, perché no? Quanto può essere difficile essere un ambasciatore?