L'ultima resistenza di Walter White

Brett Martin di _tinews racconta come Bryan Cranston è diventato il più grande protagonista della TV e scopre perché Walter White vivrà sempre

Anni fa, in un'altra vita, molto prima del cappello, del pizzetto, della testa rasata, prima... lui, the Unholy Ghost, è entrato nella vita di Bryan Cranston, gli scrittori della sitcom Malcolm nel mezzo erano soliti giocare a un gioco in cui inventavano acrobazie sempre più violente, assurde e fisicamente umilianti per il personaggio di Cranston, Hal, da mettere in scena. L'hanno chiamato Cosa non farà Bryan? Quando il gioco è culminato in Hal coperto da migliaia di api vive, senza alcuna protesta da parte di Cranston, si è ritenuto imprudente continuare.

Invece, è sorto un secondo gioco corollario: What non posso Bryan fare? Anche qui la capacità immaginativa degli scrittori si è rivelata inadeguata al compito, sia che si trattasse di ballare con i rulli o di usare il suo corpo come un enorme pennello nudo. Anche loro, però, potrebbero essere rimasti sorpresi di sapere cosa sappiamo ora su cosa può fare Bryan: come si è trasformato in Lui.



lui, ovviamente, è Walter White, il cui viaggio da insegnante di chimica depresso e malato terminale a produttore omicida di metanfetamine su Breaking Bad inizia il suo capitolo finale questo mese. In un'era piena di seducenti antieroi, la trasformazione di Walt White da, come ama dire il creatore Vince Gilligan, Mr. Chips a Scarface è stata probabilmente la più straziante, in parte perché abbiamo visto la creazione di Heisenberg, come White è conosciuto su la strada, passo dopo passo per lo più ben calibrato. Quando ho letto la sceneggiatura per la prima volta, è stato questo che mi ha colpito: ho pensato, 'Tony Soprano, Dexter, Vic Mackey. Quando ci sono stati presentati, erano già quel tipo di persona', afferma Cranston. Ma non sono sicuro Questo è successo prima: quando prendiamo un tipo di persona - brillante, depressa, appena cinquantenne, morente di cancro - e diciamo: 'Per i prossimi due anni, farà il più grande giro sulle montagne russe della sua vita'.



Sorride ironicamente e aggiunge, del tutto inutilmente, Più grande senso più grande. Non necessariamente bene.



Infatti, Breaking Bad Il risultato più impressionante è stato l'impegno spietato con cui i suoi creatori, Cranston incluso, si sono impegnati a perseguire la missione originale della serie. Uno per uno, Gilligan e i suoi colleghi scrittori hanno portato via le giustificazioni di Walt, a cominciare dal cancro, che è andato in remissione, dandogli anche qualcosa che Tony Soprano non ha mai avuto: un avversario e delle vittime a cui tieni con uguale profondità e fervore. Il primo è il cognato dell'agente della DEA di White, Hank, con il quale White sembra essere impegnato in un gioco a somma zero; quest'ultimo, la sua famiglia, compreso il suo compagno ed ex studente, Jesse Pinkman, per il quale interpreta un padre surrogato velenoso. Il bianco è emerso come una mostruosa distorsione del feticcio americano per l'autorealizzazione, una risposta naturale alla richiesta di Oprah di vivere la tua vita migliore. Che cosa, Breaking Bad chiede, se la tua vita migliore è quella di un boss della droga?

Siamo tutte persone sofisticate qui. Comprendiamo la professione della recitazione, il concetto di finzione. Eppure gli occhi sono occhi. I dati visivi sono dati visivi. E a volte gli occhi sono più potenti del cervello. Le persone che fanno il lavoro di Cranston contano su questo; fa parte di ciò che rende la recitazione lavoro. Quindi si spera che sia perdonabile sedersi qui nel soggiorno della casa di Los Angeles di Cranston, di fronte al volto intimamente familiare che è anche quello di Walter White, e cercare segni. Fissare e chiedersi: lascia il segno?




Signore, ma quell'uomo sarebbe stato un bel poliziotto. Quasi fatto, in effetti. Era il primo della sua classe con i Law Enforcement Explorers della polizia di Los Angeles, indicava l'accademia e una carriera nelle forze di polizia. Guardandolo ora, a proprio agio, è impossibile non vederlo. Le caratteristiche scozzesi-irlandesi; il corpo flessuoso e compatto: sarebbero stati perfetti per un ufficiale gentile dagli occhi scintillanti, che camminasse a suo ritmo in blu. Sono passati un paio di mesi da allora Breaking Bad avvolto e i capelli sono tornati, sale e pepe ma molto folti per un 57enne. Le guance, scavate per Walt, si sono riempite. Indossa una maglietta grigia e scarpe da ginnastica consumate. È rilassato.

Cranston ha passato la sua vita professionale a ridurre il suo bell'aspetto, se non sempre il suo fascino. Al pover'uomo non è mai stato permesso di indossare abiti decenti sullo schermo, dalle camicie di broccato di Tim Whatley, al suo ruolo ricorrente di viscido dentista in Seinfeld, alle camicie a maniche corte di Hal, che si immaginava arrivassero in una confezione da dieci da JCPenney. È sicuro dire che nessun altro grande attore americano ha trascorso così tanto tempo ad apparire in mutande.