Il defunto, grande Stephen Colbert

Stephen Colbert è pronto a reinventare The Late Show. Ma come farà? E chi sarà questa volta? Il nuovo re della tarda notte dà una sbirciatina a Tinews

L'immagine può contenere Stephen Colbert Human Person Sitting Transportation Vehicle Clothing Apparel Car and Automobile

Erano i primi di luglio , circa nove settimane prima del debutto di The Late Show con Stephen Colbert, ed eravamo seduti nel suo ufficio temporaneo sopra una concessionaria BMW nell'estremo lato ovest di Manhattan. Sembrava molto stanco, e si stava scusando (inutilmente) per aver divagato in un modo forse un po' sgradevolmente eccessivo. Non ho lasciato lo studio fino a quando 2 DEL MATTINO. ieri sera, ha detto. Non sono andato a letto fino alle tre, e ho viaggiato e sono appena arrivato...

La sera prima si era alzato fino a tardi facendo una strana acrobazia, intervenendo senza preavviso come ospite di Solo a Monroe, un programma di accesso pubblico locale a Monroe, Michigan, a circa quaranta miglia a sud di Detroit. C'era ogni sorta di pressione sul loro primo spettacolo, ha detto. Primo spettacolo! Primo spettacolo! Bene, fanculo il primo spettacolo. Ce ne saranno 202 quest'anno: come si fa a fare il primo? Quindi volevo solo andare a fare uno spettacolo da qualche parte. E ora l'abbiamo fatto.



L'idea era di fare Solo a Monroe più o meno come sempre - stessi valori di produzione, stesso set, grafica e troupe - solo una tonnellata di battute in più. I suoi primi ospiti sono stati gli ospiti regolari dello show, Michelle Bowman e (ex Miss America) Kaye Lani Rae Rafko Wilson. (Colbert in onda: non sono sicuro di quante persone siano.) Ha fatto il notiziario Monroe e il calendario Monroe, e dopo circa venti minuti ha fatto uscire il suo prossimo ospite, un cittadino del Michigan che si sta facendo un nome nel competitivo mondo della musica, Marshall Mathers.



VEDI ALTRO: Come vestirsi come Stephen Colbert



come tagliare una barba media

Stavamo parlando della logistica necessaria per realizzare qualcosa del genere, di quanto fosse bello per lui improvvisare di nuovo davanti a una telecamera e delle curiose tensioni che sono emerse nella sua intervista con Eminem. E poi siamo passati al tema del disagio e del disorientamento, e dell'impulso che ha di cercare quei sentimenti, e da lì è stato un salto veloce alla natura della sofferenza. In poco tempo eravamo seduti lì con un piatto di pollo arrosto e diverse bottiglie di Cholula sul tavolo tra di noi, entrambi strofinandoci le lacrime dagli occhi. Il livello di emozione che stai ricevendo da me in questo momento—non sto dicendo che sia disonesto, ha detto. Sto solo dicendo che non è normale. Mi piacerebbe davvero andare a letto. Te lo prometto, non passo il mio tempo sull'orlo delle lacrime.

Ho facilmente riprodotto la registrazione di quella conversazione una dozzina di volte, solo una per trascriverla. E mentre abbiamo passato un sacco di tempo a parlare di commedia e le convenzioni della tarda notte e la pura sfida pratica di fare uno spettacolo due volte più lungo del suo vecchio, la cosa a cui ho pensato di più da quando sono stato con Colbert è perdita. Le perdite che ha vissuto nella sua vita, sì, ma in realtà il significato che tutti noi diamo alle nostre perdite. Morti di persone care, fasi della vita dei nostri figli che sfrecciano, lavori e relazioni che non avremmo mai immaginato sarebbero finite. Tutto. Tra le altre cose, le nostre vite sono compendi di perdita e cambiamento e di ciò che ne facciamo. Non ho mai incontrato nessuno che abbia affrontato quella realtà in modo più significativo di Stephen Colbert. Suppongo che, più di ogni altra cosa, sia di questo che tratta questa storia.



come sbarazzarsi dei calli sull'alluce

Inoltre: scherzi con la palla. O la loro assenza. Stanno facendo rete adesso, dopotutto, e Colbert ha dichiarato una moratoria sugli scherzi con la palla. (Credo di essere stato presente per l'ultimo. Ha coinvolto la Grecia e l'Eurozona e le palle di Paul Krugman.)

Hanno fatto lo spettacolo ad accesso pubblico in diretta a mezzanotte, senza pubblicità anticipata e senza post su Twitter o Facebook in seguito. L'unico modo in cui il mondo potrebbe mai sapere che è successo è se qualcuno, un insonne o un detenuto o uno dei dodici spettatori dello show, a un certo punto guardasse lo schermo e riconoscesse Colbert che stava con Eminem vicino alla pianta in vaso. Forse quella persona l'avrebbe detto a qualcuno, e forse quell'altra persona ne avrebbe twittato.