Lato sinistro, lato forte: ricorda i Titani a 20

Wood Harris e Ryan Hurst, che hanno interpretato i rivali di football del film diventati fratelli di sangue, discutono del messaggio ancora risonante del film.

Verso la fine di Ricorda i titani , il linebacker della star T. C. Williams High School Gerry Bertier trascorre un momento da solo con il suo compagno di squadra Julius Campbell . È poco prima della partita del campionato statale, ma Bertier sta riposando in un letto d'ospedale, paralizzato da un recente incidente d'auto. È quasi troppo da comprendere per Campbell. Scossi e con gli occhi velati, i due parlano gentilmente di quanti progressi hanno fatto, di come, in quanto ex rivali, hanno imparato ad abbracciarsi mentre rappresentavano il primo liceo integrato in Virginia. Quando tutto questo sarà finito, io e te ci trasferiremo nello stesso quartiere, dice Campbell al suo capitano malato. Invecchieremo, ingrasseremo, non ci sarà tutto questo bianconero tra di noi. Bertier, piangendo, alza il braccio. Lato sinistro, sussurra. Lato forte, gli dice Campbell, stringendogli la mano.

È un momento potente e nei 20 anni trascorsi dal debutto del film di Boaz Yakin (che ha guadagnato 136 milioni di dollari in tutto il mondo), gli attori Ryan Hurst e Wood Harris ne sono rimasti legati. I loro ritratti di Bertier e Campbell, rispettivamente, forniscono il centro emotivo del film ed elevano una storia vera Disney sull'integrazione scolastica in una commovente parabola di tolleranza, compassione e amicizia. All'ombra dell'imponente performance di Denzel Washington come capo allenatore di T. C. Williams, il rapporto tra Bertier e Campbell, dai suoi inizi allegri fino alla conclusione unificata, induce ancora la pelle d'oca e richiede tessuti. È genuino, migliorato solo dalla chimica della vita reale della coppia. C'era un contratto d'anima che è stato fatto tra noi due mentre stavamo girando quel film, mi dice Hurst. Saremo in questo insieme per molto tempo.



In occasione dell'anniversario del film, il lato sinistro e il lato forte - i loro soprannomi difensivi e il loro motto - si sono riuniti per una rara intervista telefonica congiunta con Tinews per riflettere sul progetto che ha contribuito a plasmare le loro giovani carriere e il rapporto che ne è emerso. Nel corso di una conversazione di due ore, gli attori (che hanno continuato a lavorare dentro e fuori Hollywood) hanno condiviso storie mai raccontate in precedenza sulla creazione del classico e ricordano i momenti che ancora li influenzano. Ispirato da un anno di immensa resa dei conti morale, Harris alla fine ha preso la seconda metà della conversazione per predicare e confrontarsi con la storia americana dell'ingiustizia razziale. È un argomento che lo appassiona e che è felice di poter condividere in modo significativo con un vecchio amico con cui non parla da un po'. Anche se potremmo essere razzialmente diversi, mi sento fraterno con Ryan, dice Harris. Non ho molti gatti nella mia vita così.



tinews: Quanto tempo è passato dall'ultima volta che hai parlato? Com'è il tuo rapporto adesso, 20 anni dopo?



Harris di legno: Bene, comunichiamo principalmente attraverso i social media, perché è così che le persone lo fanno in questi giorni. Non parlo davvero con troppe persone del cast. L'ho fatto Cacciatore di lame [2049] con [Ryan Gosling]—lo chiamo 'l'altro Ryan'—e conoscevo Donald Faison 10 anni prima che facessimo il film. Questi sono probabilmente gli unici ragazzi [del film] con cui ho fatto a pezzi.

Ryan Hurst: Sì, ogni tanto ci incontriamo sui social media. Non c'è nessuno su questo pianeta che tengo più vicino al mio cuore di Wood Harris.



Come siete stati coinvolti in questo progetto? Cosa ti ha attratto?

DX: Ho letto il copione e non ne sono stato troppo preso. Le prime due bozze ero tipo, Eh.

WH: Aveva un'atmosfera televisiva. Era molto sensibile. Il cast ci ha davvero lavorato. So cosa intendi, Ryan.