Analizziamolo La scena più selvaggia e spaventosa del secondo capitolo

L'attore del capitolo due James McAvoy e il regista Andy Muschietti raccontano a Tinews come hanno realizzato Funhouse di Pennywise.

Per meglio o peggio , una porzione enorme di It Capitolo due viene speso seguendo le discese dei nostri personaggi nei loro inferni personali: Beverly affronta di nuovo i suoi problemi con suo padre e l'educazione abusiva nel suo piccolo appartamento; Eddie deve ancora una volta combattere il lebbroso.

La cosa più significativa è che Bill (James McAvoy) deve ancora una volta affrontare il suo senso di colpa per la morte del fratello di sei anni, Georgie, avendo apparentemente messo a tacere la questione 27 anni fa. Non è così che funziona la vita, però, e tornare a Derry in It Capitolo due risveglia la tortura che Bill ha subito il giorno in cui suo fratello è stato mangiato da Pennywise.

Forse percependo questo, Pennywise attira Bill e un altro bambino in un luna park incasinato completo di un vorticoso tunnel che sfida la gravità, un guanto di bambole da clown oscillanti a grandezza naturale e una sala degli specchi. Bill sa che è una trappola, ma non può fare a meno di correggere il suo torto percepito e salvare il prossimo bambino che deve salvare. Tinews ha parlato sia con McAvoy che con il direttore di entrambi è film, Andy Muschietti , per scoprire come è successo.


tinews: Raccontami come è nata questa scena.

James McAvoy: All'inizio non era nella sceneggiatura. In origine era solo una scena con Pennywise e il bambino. Ero molto preoccupato che ci mancassero un paio di cose dal libro. Non volevo rimetterli tutti dentro, ma sentivo che ci stavamo perdendo un momento in cui Pennywise attacca Bill cercando il suo tallone d'Achille. C'è una scena in cui si spaventa, ma non per nessun motivo. Pensavo ci mancasse qualcosa di enorme.

Quindi eravamo seduti al bar a bere un bicchiere di tequila e l'ho detto ad Andy, e lui ha appena iniziato a riff. Era come Rapporto di minoranza con quel grande schermo; stava estraendo pezzi da altre scene e inserendoli in questa nuova che stavamo creando proprio lì nella sua testa, proprio durante una chat. Alla fine, abbiamo avuto questa sequenza che probabilmente sarebbe costata qualche altro milione di dollari e avrebbe aggiunto un'altra settimana alle riprese.

Tanto di cappello ad Andy perché sono già stato sul set prima, dicendo: 'Ci manca qualcosa', e tu hai queste conversazioni incredibili e poi... non succede nulla. Spostano un paio di segni di punteggiatura. Torni dentro e si tirano fuori i fazzoletti dal culo pensando di aver vinto il fottuto premio Nobel per la sceneggiatura. E io sono tipo, 'No! Non hai fatto niente.' Ma Andy, davanti a un bicchiere di alcol, ha risolto il problema. E lo ha risolto superbamente.

Andy, è così che te lo ricordi?

Andy Muschietti : Si. È una storia difficile perché ci sono così tanti personaggi; È un atto di equilibrio. Quella seduta era di Bill—scusa, non Bill, lui è Bill per me— James La preoccupazione che la storia di Bill non stesse davvero dando i suoi frutti. Quindi ci siamo seduti con Jason Fuchs, che stava scrivendo una bozza. Abbiamo iniziato a sputare, e mi è venuta in mente la funhouse, ma l'essenza era approfondire il viaggio di Bill.

Gran parte di questo film si basa su manifestazioni fisiche di traumi psicologici. Per Bill, ovviamente, sono pagliacci, ma è anche affrontare se stesso. Quindi, gli specchi.

Muschietti : Sì, Pennywise lo porta davvero al limite. Praticamente gli sta dicendo: 'Sì, ho ucciso Georgie perché non c'eri. Ora guarda questo: lo farò di nuovo.'

McAvoy : È uno scenario fatto su misura per il trauma di Bill. E poi lo riprendiamo! Questa scena informa quella successiva in cui sono di nuovo nel seminterrato di fronte a Pennywise/Georgie. Quella scena è cambiata enormemente a causa della scena della sala degli specchi. Diventa molto più complesso e forse un po' meta.