Mike Shinoda dei Linkin Park sta facendo il passo successivo

Si apre sul suo nuovo disco solista (Post Traumatic), sul futuro dei Linkin Park e sull'arte dopo la morte di Chester Bennington.

Se fossi stato in giro per gli anni, i Linkin Park avrebbero potuto essere la colonna sonora della tua vita. Insieme ai suoi compagni di band, il rapper/cantante/produttore Mike Shinoda potrebbe averti fatto superare qualcosa. Hanno ottenuto molte persone attraverso le cose. Ma avendo già presentato se stesso in tutto il mondo, Shinoda è ora nella posizione unica di dover presentare il mondo a se stesso, come se stesso. Solo.

Dopo due decenni di musica con i Linkin Park, la morte del compagno di band Chester Bennington lo scorso luglio ha reso poco chiaro quale sarebbe stato il destino della band. Ma dopo alcuni mesi di silenzio, il gruppo è riemerso in ottobre, davanti a oltre 17.000 fan, con un set di quasi tre ore all'Hollywood Bowl. Il set ha avuto un pubblico globale. La banda era accompagnata da un quartetto d'archi. Shinoda ha eseguito una nuova canzone, Looking for an Answer, scritta otto giorni dopo la morte di Bennington. È stato un inferno di riemergere, con un occhio al passato e un altro al futuro, e poi, il silenzio radio. Nessuno sapeva dove sarebbe andata la band. La domanda è ancora nell'aria.



Ma non avevamo modo di vedere, allora, che Shinoda avrebbe seguito quella performance con una manciata di singoli. E quei singoli alla fine avrebbero portato a quello che sarebbe diventato il suo primo disco con il suo nome... Post traumatico . Dopo e durante la tragedia, Shinoda ha fatto quello che ha fatto per tutta la sua carriera: ha innovato, ha perseverato. Perché la vita è andata avanti. Perché deve. E Shinoda è sull'apice di quello che, nonostante decenni nell'industria musicale, sarà un capitolo molto nuovo per lui.




L'immagine può contenere Face Human Person Beard e Mike Shinoda L'immagine può contenere Persona umana Mike Shinoda Abbigliamento Abbigliamento Calzature Scarpe Pantaloncini Percorso a piedi e pantaloni

tinews: Allora, come stai? Come sei stato?



Mike Shinoda: Sto bene. Voglio dire, sai, ho cercato di dire, sto andando bene oggi , sai? E sento che la buona notizia è che quando faccio il check-in, e ci penso, ho più giorni belli che brutti.

A che punto hai capito che volevi fare un disco da solista?



Creo sempre cose. Quindi, se è un lungo viaggio in macchina, se è una notte libera in hotel, se sto volando da qualche parte, sono sempre al computer. Scrivo sempre parole, creo ritmi, creo letti di musica. E non si ferma mai. Ad esempio, potrei andare in giro da qualche parte, avere un'idea e cantare qualcosa nel mio telefono. Potrebbe essere un battito, o una melodia, o delle parole. Che cosa mai. Quindi è normale per me, è ogni giorno per me. E non è stato diverso negli ultimi nove, dieci mesi in termini di processo e frequenza di scrittura.

Ma in termini di argomenti e cose del genere, sembrava molto diverso. E il momento è stato probabilmente cinque o sei mesi fa, credo. Probabilmente era da qualche parte intorno ad agosto o settembre. Stavo ascoltando alcune delle cose che stavo facendo e ho pensato, Accidenti, penso che questo sia un disco solista.

È stato un po' spaventoso. All'epoca, non era nemmeno quello che volevo fare. E si riduceva al fatto che il dolore e la via per uscire dal dolore sono cose personali. Questo disco sarebbe stato inevitabilmente un viaggio personale e autobiografico. Per me, l'unico modo per presentare quel processo era un album solista. Ho solo pensato che fosse la più appropriata. Anche in termini di percorso di uscita, è disposto in modo semi-cronologico. Le tracce precedenti sono state infatti scritte e registrate prima, mentre le tracce successive sono state registrate più tardi, e scoprirai che, concettualmente, inizia in un luogo oscuro e ne esce, in un posto un po' più aperto e ampio e luminoso.