Il viaggio solitario del miglior cavaliere nero della nazione

Ezekiel Mitchell e il suo team hanno dei progetti per trasformarlo nel prossimo Dwayne Johnson. Ma prima, deve diventare il primo bull-rider nero a vincere un titolo in 38 anni.

Un lunedì sera all'inizio di gennaio, Ezekiel Mitchell prende una sedia al Trailer Park Lounge di New York, che sembra proprio come pensi, e si sistema come solo un ragazzo di 22 anni può fare: individuando una presa a muro per ricaricare il suo vaporizzatore, ordinando un hamburger e una birra e scorrendo TikTok.

È il secondo viaggio di Mitchell a New York City, e anche molto impegnativo. All'inizio della settimana, è apparso su Volpe e amici. Stamattina è stato un ospite speciale in a Podcast UFC . Domani farà un segmento su Buon giorno America.



Ma il circuito della stampa non è il motivo principale per cui Mitchell è in città. È il 15° bull-rider al mondo in classifica e ha aperto la stagione 2020 dei Pro Bull-Riders (PBR), un tre round concorso al Madison Square Garden , avvenuta nel fine settimana. Non è il solito evento di New York City: l'odore di cavalli e tori è inevitabile; circa ogni residente di New York e New Jersey in possesso di un cappello da cowboy fa la sua apparizione; il clown del rodeo indossa una maglietta protetta dalla US Border Patrol, perché la US Border Patrol è uno dei principali sponsor della PBR.

Zeke, come lo chiamano i suoi amici e la sua famiglia, si è presentato all'evento pieno di fiducia. penso solo, prendiamo questi soldi. Ho questa enorme scarica di adrenalina e mi sento così potenziato, dice dei suoi nervosismi pre-partita. Ma le sue corse durante il fine settimana sono state per lo più scadenti e non è mai stato davvero in lizza per vincere.

Non importa. È una stagione straordinariamente lunga, un intero anno solare senza interruzioni, in pratica, e Zeke è di umore riflessivo. Finisce il suo hamburger e la sua birra e inizia a parlare. non lo sono mai non stato un cowboy, dice. Ha sicuramente vestito la parte: un metro e ottanta, canotta blu sopra un maglione bianco; jeans bootcut che fanno quello che dovrebbero fare, rivelando stivali di coccodrillo nero con suola cognac. Credenziali da cowboy a parte, Zeke ha catturato l'attenzione dei media nazionali perché è l'unico bull-rider nero a caccia di un titolo a livello professionale del suo sport. C'è stato solo un campione nero nella storia del bull-riding professionistico, Charlie Sampson, incoronato nel 1982.