La lunga, a volte oscura, e in definitiva trionfante carriera di Delroy Lindo

Venticinque anni dopo aver lavorato per l'ultima volta con Spike Lee, il consumato attore caratterista ha assunto un ruolo che ha cambiato la sua carriera. Qui, la star di 'Da 5 Bloods' approfondisce la sua difficile reputazione, la sua costante fiducia in se stesso e la sua ascesa ai ranghi di grandi uomini di spicco.

Le cose hanno cominciato a cambiare per Delroy Lindo all'inizio dell'estate del 2019. Aveva appena trascorso quasi tre mesi in Vietnam e nelle giungle della Thailandia diventando Paul, un veterano nero della guerra del Vietnam e un uomo che lotta con i fantasmi, custodisce segreti, sputa odio, nasconde ferite, credere in Trump e ballare sempre così vicino al limite della sanità mentale. I torrenti delle emozioni di Paul, e delle stesse emozioni di Lindo durante l'esecuzione, sembravano sincronizzarsi con i sublimi temporali che spazzavano le foreste. Si era unito a un cast di attori, molti dei quali uomini afroamericani, molti dei quali ex attori di teatro come lui, nel presentare le storie dei cosiddetti Bloods, i soldati americani neri della guerra del Vietnam, che combatterono in numero spropositato ma il cui prospettiva era stata del tutto esclusa dal canone dei film di guerra americani.

L'esperienza è stata particolarmente esaltante per Lindo, che aveva offerto una performance indelebile in un momento della sua carriera in cui molti nell'industria cinematografica lo avevano cancellato. Prima che il film venisse tagliato, e prima che il pubblico lo conoscesse come quello di Spike Lee Da 5 Bloods - prima che qualcuno sapesse che il film sarebbe uscito durante un'estate di sconvolgimenti - aveva una certa sensazione. Era una sorta di intuizione guida che la bella recitazione che aveva fatto avrebbe trasceso il film stesso. Sentiva che era l'inizio di quello che chiama il suo cammino di fede, un viaggio verso una nuova fase della sua carriera.



benefici dei capelli lunghi per i ragazzi

Dovevo avere fiducia nella forza del lavoro, mi spiega durante una recente chiamata Zoom, e il fatto che anche se non è una meritocrazia, quel lavoro avrebbe spostato la mia posizione di lavoratore creativo in un posto che avrebbe significa qualcosa al di là di se stesso.



Era passato molto tempo dall'ultima volta che un ruolo aveva suscitato in lui sentimenti del genere. E molto tempo - 25 anni, per la precisione - dall'ultima volta che ha lavorato con Spike Lee, il regista che ha lanciato la sua carriera cinematografica. Nel 1991, Lee ha scelto Lindo in Malcom X nei panni di Archie dell'India occidentale, l'elegante gangster di Harlem e corridore di numeri che ha attirato Malcolm più a fondo in una vita criminale. Questo è stato presto seguito da ruoli in Crooklyn (1994), come padre tenero e musicista jazz in difficoltà nella Brooklyn degli anni '70, e Clockers (1996), come uno spietato boss della droga che governa un progetto di edilizia abitativa degli anni '90. Le esibizioni hanno reso Lindo, specialmente per il pubblico nero, un attore di carattere agile che ha portato un'espressione redentrice e profondamente sentita a una serie di esperienze.



sbarazzarsi di calli sui piedi