Il lusso era un'emozione: Neiman Marcus e il declino del lusso americano

Mentre i grandi magazzini dichiarano bancarotta al Chapter 11, la sua idea americana di lusso sembra obsoleta.

Come molti sibariti imbronciati davanti a me, il mio piacere colpevole è guardare le fotografie dell'interno del Titanic . So che sono vero , ma la portata del loro lusso è quasi impossibile da credere. C'era una palestra rivestita di legno con colonne d'acciaio, più fantasiosa di qualsiasi Equinozio; modanature d'oro della corona in ogni stanza di prima classe; quella scala gigante; tappeti taftati a mano e tappezzeria jacquard per pareti; e stranamente, 3000 libbre di pane all'aglio— su una barca .

Ho pensato a quelle immagini nell'ultima settimana mentre leggevo dei giorni di gloria di Neiman Marcus, che ha presentato istanza di fallimento del capitolo 11 giovedì mattina . Ci sono fotografie di Oscar de la Renta ed Emanuel Ungaro, allora re della moda internazionale, che allestivano spettacoli nei suoi negozi di Newport Beach e Beverly Hills negli anni '90 e 2000. C'è il libro di Natale: una bibbia di offerte bizzarre, come la descrisse l'ex presidente Stanley Marcus nel suo libro di memorie del 1974 Fare attenzione al negozio , che includeva idee oltraggiose come un elefante e regali per lui e per lei come i giaguari (una macchina per lui e un cappotto per lei); abiti realizzati con il tessuto più costoso del mondo (shahtoosh: prendi Google!); e sottomarini: il massimo dell'unione. Nel 1999, il catalogo includeva un Boeing Jet da 35 milioni di dollari. Ci sono foto di Coco Chanel all'aeroporto di Dallas che abbraccia Stanley, il figlio del fondatore. Le immagini degli interni del negozio mostrano uno splendore totale - oro, scintillante, spesso, dove donne con artigli laccati di rosso vendono giacche di tweed da donna che pranzano - sembra troppo opulento per essere vero. Come il Titanic fotografie, queste immagini sembravano in qualche modo difficili da credere, perché invece di esistere su una barca, esistevano in un negozio in America.



Un elefantino garantito per essere un buon animale domestico di famiglia e un regalo di Natale ideale di Neiman Marcus dicembre 1969.

Un elefantino, garantito per essere un buon animale domestico di famiglia e un regalo di Natale ideale di Neiman Marcus, dicembre 1969.Yale Joel / Getty Images

Niente assomiglia più a questo. Il legno e la moquette color miele, per non parlare di un venditore che potrebbe chiamarti miele, hanno lasciato il posto ai privilegi del vetro e dell'efficienza, e a una sensibilità più globale di ciò che significa lusso. Molti dei negozi più lussuosi del mondo, compresi quelli di Hudson Yards, dove Neiman Marcus ha aperto il suo primo negozio a New York nel 2019, non sono dissimili dagli aerostazioni internazionali. Potrebbero essere ovunque nel mondo.

I creditori nella dichiarazione di giovedì, che consentirà alla società di ristrutturare ed eliminare $ 4 miliardi del suo debito di $ 5,1 miliardi, parlano del tentativo dell'azienda di adattarsi a un mondo che cambia, tra cui una società di consulenza manageriale specializzata nell'ottimizzazione della forza lavoro e una società di marketing affiliata . Ma il Marche elencati come creditori dipingono un quadro di un quadro del lusso altamente globale: Chanel (che deve circa $ 6 milioni); Veronica Beard, i cui blazer a quadri sono un must per le figlie-che-brunch delle signore-che-pranzo (4,3 milioni di dollari); La Mer, ampiamente considerata la Rolls Royce dei marchi di prodotti per la cura della pelle ($ 3,5 milioni); e Gucci (3,1 milioni di dollari). Per un negozio che, negli anni '70, scoprì il designer giapponese Hanae Mori e spinse Emilio Pucci a realizzare abiti con le sue sciarpe stravaganti, questa è un'immagine seria di sfarzo. O forse più precisamente: questo non è il Neiman Marcus di una volta.