L'uomo dietro il pugno: la duratura protesta dell'icona olimpica Tommie Smith

Mezzo secolo dopo il suo gesto di sfida al fianco di John Carlos ai giochi di Città del Messico del 1968, sta raccontando il resto della sua storia e raddoppiando la necessità dell'attivista-atleta.

Tommie Smith accovacciato in posizione di partenza. Un ginocchio sulla pista di cenere, l'altro così vicino al suo viso che poteva baciarlo. Le sue braccia lunghe e magre lo tenevano fermo; solo la punta delle sue dita toccava terra. Il mento gli cadde sul petto, come in preghiera. Alla pistola, è esploso fuori dai blocchi e la sua mente si è svuotata. Esattamente 20 secondi dopo, ha volato attraverso il traguardo di un rettilineo di 200 metri alla San Jose State University, dove era al secondo anno al college. Sarebbe il primo dei 13 record mondiali di Smith. Aveva 20 anni.

Era il marzo 1965, un periodo di urgente attivismo - quella stessa settimana, a circa 2.300 miglia a est, Martin Luther King Jr. e decine di altri stavano camminando da Selma, in Alabama, a Montgomery - e Smith era ansioso di partecipare. Immediatamente dopo la gara, ha piegato il suo telaio 6'4 in Volkswagen Beetle di un amico e sono corsi fuori città per incontrare 200 compagni manifestanti a metà della loro marcia di 45 miglia dalla San Jose State University al Federal Building di San Francisco- una manifestazione contro la disuguaglianza razziale nelle scuole americane.



il riassunto dell'episodio 10 della stagione 7 di Walking Dead

Quella è stata la prima marcia di cui ricordo di aver preso parte, ha detto Smith un pomeriggio di recente, ricordando la determinazione che provava. Volevo certamente correre quel giorno, e certamente volevo essere in quella marcia. Non importa cosa, dovevo essere davanti, marciando davanti e vincendo quella gara. Smith era celebrato come uno degli uomini più veloci del mondo, ma fuori dalla pista si sentiva un cittadino di seconda classe perché era nero. Quando correvo, facevo parte di questa confraternita, ha detto. Ma quando sono uscito di pista, ero meno di.

Tre anni dopo quella marcia, King sarebbe stato assassinato a Memphis. Sei mesi dopo, Smith avrebbe vinto una medaglia d'oro per gli Stati Uniti nei 200 metri ai Giochi Olimpici del 1968 a Città del Messico. Conoscete la famosa fotografia: Smith sul podio con il suo compagno di squadra John Carlos, la medaglia di bronzo, a testa china, ognuno con un pugno guantato di nero alto in aria; nell'altro, una scarpa Puma in camoscio nero. Ai piedi indossano solo calzini neri. La medaglia d'argento, un velocista australiano bianco di nome Peter Norman, è in piedi davanti, le braccia dritte contro i fianchi. Sulla sua tuta verde, in un gesto di solidarietà che avrebbe plasmato il resto della sua vita, indossa lo stesso bottone di Carlos e Smith: un cerchio bianco con rami di alloro verdi che incorniciano un semplice testo nero: Olympic Project for Human Rights, a campaign co-fondato da Smith e Carlos nel 1967 per protestare contro le politiche razziste del Comitato Olimpico Internazionale.

Ampiamente frainteso come una chiamata alle armi militante del Black Power, i pugni serrati di Smith e Carlos rappresentavano solidarietà e forza; i loro piedi scalzi, la povertà di troppi neri americani. Carlos portava una collana di perline intorno al collo per indicare i linciaggi che continuavano ad affliggere il sud americano. Smith si è impegnato a flettere un piccolo muscolo del polso, uno che chiama muscolo di classe perché lo ha sviluppato raccogliendo cotone. Norman, che non ha aiutato a pianificare la protesta, ha preso in prestito il pulsante dell'OPHR pochi istanti prima della cerimonia per mostrare il suo sostegno. Nel 1968, la loro manifestazione fu considerata, nella migliore delle ipotesi, un matrimonio inappropriato tra politica e sport. Nel peggiore dei casi, è stato visto come una minaccia da parte di due giovani neri arrabbiati e un simpatizzante bianco per rovesciare violentemente lo status quo. Ha effettivamente concluso tutte e tre le loro carriere di corsa.

Ora, più di mezzo secolo dopo, la storia di Smith trova una rinnovata importanza in un documentario pubblicato questo mese, Lo stand: come un gesto ha scosso il mondo . Diretto da Becky Paige e Tom Ratcliffe, il film esamina sia il potere duraturo di quel gesto che il dolore sopportato dagli uomini dietro di esso. La sua uscita ad agosto arriva sei settimane dopo che il commissario della NFL Roger Goodell ha esortato una squadra a firmare l'ex quarterback dei San Francisco 49ers Colin Kaepernick e ha espresso sostegno per il suo attivismo, quattro anni in ritardo, molti direbbero. Per Smith e Carlos, una tale scusa non è più un'opzione: la loro versione di Goodell - Avery Brundage, il presidente del Comitato Olimpico Internazionale che li ha rimandati a casa da Città del Messico - è morta da tempo e le loro carriere hanno fatto il loro corso. Quello che possiamo fare ora è guardare la loro storia e meravigliarci di quanto fossero veloci—i 19,83 di Smith nei 200 metri nel 1968 gli avrebbero fatto vincere una medaglia d'argento alle Olimpiadi del 2016, cinque centesimi di secondo dietro Usain Bolt—e di come rilevante la loro eredità rimane nella lotta contro l'ingiustizia.

lato forte lato sinistro ricorda i titani