Incontra la crew californiana che ha portato sesso, droga e free jazz nell'arrampicata su roccia e l'ha resa lo sport più elegante degli anni '70

L'arrampicata su roccia sta esplodendo a livello nazionale in questo momento, con nuove pareti da arrampicata che si aprono ogni giorno e persone come la nostra star di copertina, Jared Leto, che fanno esplodere Instagram. Ma per trovare la fonte del bello dell'arrampicata su roccia, devi tornare agli anni '70. Fu allora che un gruppo californiano chiamato The Stonemasters portò lo sport a nuovi livelli (letteralmente) da Joshua Tree a Yosemite e oltre, alimentato da Jimi Hendrix, LSD e l'innegabile spinta a sembrare nessun altro mentre lo faceva.

Non furono i primi uomini a scalare montagne. Sono stati solo i primi a farlo sembrare così dannatamente figo. Hanno inventato il loro stile di arrampicata spoglio e con le nocche bianche, sì, affrontando salite di più giorni senza precedenti e affinando l'arte del free solo, arrampicandosi da soli senza corde. Hanno anche brevettato uno stile di vita costruito attorno allo sport e allo spirito di scalare ripide scogliere, pareti rocciose a strapiombo e verticali incredibilmente inclinati. Il tutto sotto l'influenza del sole della California, dei suoni psichedelici degli anni '70 (soprattutto Jimi Hendrix) e di una copiosa quantità di corallo verde a buon mercato. Erano conosciuti come gli Stonemasters, e sarebbero durati all'incirca un decennio, dal 1970 al 1980, suonando musica rock 'n' roll, festeggiando intorno ai falò (c'era sempre una quantità pazzesca di ragazze in giro) e facendo folli prime ascensioni attraverso lo Yosemite Parco Nazionale (e poi il mondo). Entro la fine del decennio, il mondo sarebbe cambiato e si sarebbe ripreso, la loro influenza sarebbe durata attraverso un'industria degli sport d'avventura da molti miliardi di dollari, ma quel tempo magico nella foresta non poteva durare per sempre. Ma era Woodstock per sempre per un po' e tutti quelli coinvolti nella scena lo sapevano. Qui i membri sopravvissuti ci riportano indietro a quel tempo, sulla montagna di zucchero per un ultimo lungo sguardo. —Luca Zaleski


Questa immagine può contenere Abbigliamento Abbigliamento Cappotto Dennis Wilson Human Person Jacket and Overcoat

Il co-fondatore di Stonemasters Richard Harrison, morto nel 2014, visto qui nel 1977.



Fotografia di Gib Lewis



Lo stile era tutto

John Long (co-autore di 'The Stonemasters'; arrivò a Yosemite nel 1969 all'età di 16 anni da Upland, California): Gli Stonemasters sono stati un evento culturale avvenuto a metà degli anni '70 che ha catalizzato quella che sarebbe diventata la mania degli sport d'avventura e degli sport d'azione. Aveva un sacco di cose a che fare con - era un stile una cosa del genere.



Lynn Hill (prima persona, uomo o donna, ad effettuare una salita in libera di The Nose, la big wall più iconica di Yosemite): Beh, lo stile è tutto. E solo perché arrivi in ​​cima non significa che dovresti celebrare il tuo successo. Suo Come ci arrivi è davvero molto importante.

Dean Fidelman (co-autore di 'The Stonemasters'; climber, fotografo e creatore del calendario dell'arrampicata nuda nudi di pietra ): Tutti noi eravamo consapevoli di quello che stava succedendo nel surf e pensavamo tutti che quei ragazzi si stessero lamentando, sai. Avevano stile. Avevano lo stile, ed è quello che abbiamo iniziato a portare nell'arrampicata, un certo stile. E per prima cosa è iniziato con i vestiti: i pantaloni bianchi da pittore e la borsa del gesso e poi la fascia. È andato anche al modo in cui hai scalato. Hai arrampicato in modo super liscio, ma quando c'era una grande presa, ti eri appeso. Sai, dimostreresti quanto eri forte e quanto eri fluido. E poi non useresti molta protezione per mostrare quanto erano grandi le tue palle.



Lungo: Gli Stonemasters erano un gruppo piuttosto gentile. Questo non vuol dire che non fossimo arroganti, perché lo eravamo, ma non era arrogante in riferimento ad altre persone. Era solo arrogante perché eri parte di qualcosa ed è stato bello.

Mike Graham (fondatore del marchio lifestyle di arrampicata Gramicci; arrivato in Yosemite nel 1974, anno in cui compì 18 anni): È stata una sfrontatezza, una sicurezza che hai perché sei sopravvissuto a questo tiro quando nessun altro era stato in grado di farlo, e se cadi, forse avresti potuto romperti per il resto della tua vita, o morire, e sopravvivi esso. Ti fa sentire come, forse sono intoccabile. Pensi sempre, beh, merda, sono praticamente quello che sta succedendo e niente mi fermerà.

Fedelmente: Volevamo che fosse il più naturale possibile. Stiamo cercando di farlo nel modo migliore e migliore possibile, perché c'è una certa dose di rispetto per la bellezza della roccia e per la bellezza del nostro ambiente, ed è così che abbiamo cercato di fonderci e farne parte . Perché qui tutto è all'apice della sua maestria, e anche noi volevamo esserlo. Bello e aggraziato come un albero, forte come una roccia, lo sai.

Lungo: [Altri posti] hanno delle formazioni fantastiche ma non sono niente come Yosemite. Aveva una sensazione magica e un incanto. C'è un motivo se è chiamato un gioiello della corona del sistema del parco. Sono uscito dallo sport ma sai, nessuna arena è lontanamente grandiosa come El Cap [El Capitan, la formazione rocciosa verticale sul lato nord della Yosemite Valley]. È alto 3.000 piedi. Fa sembrare lo Yankee Stadium una cuccia per cani.

Rick Accomazzo (fotografo; arrivato a Yosemite nel 1973 all'età di 18 anni): Non puoi credere a quanto sia grande El Capitan. È semplicemente sbalorditivo. Sta cambiando la vita. Immagina il World Trade Center, una delle cose più alte create dall'uomo nell'emisfero occidentale, non è proprio così, ma due di questi. Impilarli. E questo è El Cap.

Dean Fidelman: Prima stavo arrampicando a Joshua Tree e non l'avevo mai fatto—la scala di tutto era così monumentale e la bellezza dell'intero posto. Me ne sono innamorata subito è davvero quello che è successo. Sapevo di essere a casa.

Lungo: L'arrampicata non era affatto una cosa mainstream allora. Quindi [gli scalatori] hanno avuto una sensazione curiosa da fuorilegge che ho trovato interessante. Ed erano tutti in forma, un sottoinsieme energico di atletica e cultura che ho trovato interessante. Fuorilegge, davvero. Le regole normali non si applicavano davvero a loro perché non c'era nessuno che potesse imporre nulla. Semplicemente non erano ipnotizzati da valori regolari. Erano come musicisti jazz o qualcosa del genere.