Incontra Maverick Carter, l'uomo dietro l'affare Nike da un miliardo di dollari di LeBron

Maverick Carter parla con Tinews Style sulla negoziazione dell'accordo di una vita.

Come Clint Eastwood e Christopher Nolan, Maverick Carter ha il suo ufficio nel lotto degli studi della Warner Bros.. Una volta superata la sicurezza, guidi da vetrine occidentali pinup a una sezione di case con lo stampino per biscotti con rivestimenti in vinile. ( Gilmore Girls è stato girato qui.) Anche l'erba sembra provenire da Milwaukee. All'esterno di una delle case sono riservati posti auto che recitano: M. Carter e L. James. Questo e la Maybach color argento lucida parcheggiata davanti sono gli unici indizi che all'interno di questa casa senza pretese si sta creando il futuro del marketing sportivo e dell'intrattenimento. È qui che Maverick Carter si mette al lavoro.

Questa immagine può contenere Robert Downey Jr. Magazine Human and Person

> Iscriviti qui!



Carter è l'amico di LeBron di Akron, era un anziano a St. Vincent-St. Mary High quando 'Bron era una matricola. È anche il business manager della star dei Cavs. Ma, cosa più importante, è il direttore creativo di tutto ciò che riguarda King James. Cosa comporta? Bene, basket NBA e un impero dell'abbigliamento. Una società di produzione di Hollywood. (Lo spettacolo di Starz Il rimorso del sopravvissuto è Mav's.) Un programma di borse di studio. E una piattaforma multimediale chiamata Uninterrupted, dove i giocatori raccontano le proprie storie.



come far crescere la barba la prima volta

Qui, l'uomo che ha appena avuto un ruolo centrale nel più grande affare di abbigliamento per celebrità di tutti i tempi spiega le sue strategie di negoziazione, i suoi rimpianti e come ha trasformato un giocatore di baseball di Akron in un marchio globale da un miliardo di dollari.




Tinews Style: Stai davvero facendo un tentativo con questa cosa di Hollywood. Era sempre questo l'obiettivo? Maverick Carter, 8 anni, sognava Hollywood?

Maverick Carter: No. Non è mai stato il mio sogno.



Quando è diventato il tuo sogno?
Quando le persone mi chiedono in quale college mi sono laureato, rispondo: Non mi sono laureato all'università. Mi sono laureato alla Nike. Ho iniziato la mia carriera come stagista prendendo un caffè. Lavoravo nel marketing sportivo, il che significa costruire i marchi Nike e gli atleti. Quello che ho capito dopo aver lasciato Nike è che raccontano storie. Queste scarpe che indosso sono solo scarpe. Ovviamente, ci hanno messo della tecnologia. Questo è a maglia. Questo è lunare. Bla bla bla. Ma ti raccontano la migliore storia di sempre su questa sneaker. Raccontano storie migliori di chiunque altro a Hollywood. Quindi è stata solo un'evoluzione naturale: marketing, narrazione, costruzione del tuo marchio, produzione di contenuti. Lo facevo già da tutta la vita.

Quale pensi sia l'errore più grande che hai fatto finora?
[si prende un momento per pensare] Quando ho lasciato la Nike per andare a lavorare con LeBron e gestirlo, ero davvero ottimista riguardo alla gestione di altri atleti. Volevo davvero avere più atleti oltre a LeBron e costruire questa grande pratica manageriale. E col senno di poi è stato un errore.

il mio ragazzo ha 10 anni meno di me

Perché è stato un errore?
Un paio di ragioni. Uno è che c'è solo un LeBron. Un altro motivo è che gli altri atleti mi hanno sempre visto come il ragazzo di LeBron. Loro pensavano: Non può essere anche il mio ragazzo. È stato un errore perché ho perso tempo. E gestire LeBron era abbastanza. C'era molto da fare.

qual è la cosa migliore da bere dopo un allenamento

Ti penti di aver gestito Johnny Manziel?
No, non me ne pento. Ho conosciuto Johnny e mi è piaciuto. Ovviamente era quello che stava uscendo, il che è gigantesco. Sento che abbiamo fatto un ottimo lavoro con Johnny e l'abbiamo aiutato molto. Ma era il suo più grande avversario. È un ragazzo molto intelligente, è solo il suo più grande avversario. Ancora è. Ma fino ad oggi, se mi chiamasse, andrei ad aiutarlo in un secondo. Quindi questo è un altro motivo per cui non posso pentirmene: ho stretto rapporti con lui e la sua famiglia che probabilmente dureranno tutta la vita.

Quando tu e LeBron avete deciso che Hollywood fosse la prossima frontiera?
Era l'evoluzione naturale. Ovviamente, l'obiettivo era trovare modi per prendere il suo talento, chi è, cosa rappresenta e costruire attività attorno a questo. Perché essendo un grande giocatore di basket, c'è una finestra molto stretta.

Quindi voi ragazzi avete sempre lavorato sulla vita dopo il basket?
Una volta finita la pallacanestro, ti restano 50 fottuti anni da vivere. Quindi devi colpirli mentre hai i muscoli, come si dice in Il Padrino .

Alcune persone sono più disposte a correre dei rischi. Sono cresciuto un giocatore d'azzardo. Questo è il mio nome: Maverick. Ecco da cosa deriva. —Maverick Carter

Cosa volevi fare da grande?
Beh, come ogni bambino che gioca a basket, sognavo di diventare un giocatore NBA. È un po' come quella battuta di Chris Rock: nel quartiere ci sono solo un paio di professioni. Mio padre era uno spacciatore di droga. Mia madre era un'assistente sociale. In seconda media, ero in una squadra dell'AAU e siamo andati in questo quartiere chiamato Hudson. Era bello, con grandi case. Ero come, Porca puttana, la gente vive così? E per la battuta di Chris Rock, il ragazzo in cui mi trovavo, suo padre era solo un preparatore atletico. Era un preparatore atletico per i Cleveland Indians. Non era una star del basket o un musicista. Chris Rock dice che il ragazzo bianco che vive nella porta accanto è un dentista. Il ragazzo nero deve essere il più grande del mondo. Quindi, quando l'ho visto, volevo diventare un preparatore atletico.

Questa immagine può contenere cuscino, uomo, persona, occhiali da sole, accessori e accessori

Robert Downey Jr. sullo status di 'supereroe di secondo livello' di Iron Man e su One Crazy-Ass Weekend Bender

È sempre stato descritto come l'attore più pagato al mondo o uno dei più grandi attori della sua generazione. Quindi quale è?

DiZach Baron

in che modo bere alcolici influisce sulla tua pelle?

Sei vicino a tuo padre?
Molto vicino.

Devi avere un talento per gli affari per vendere droga con successo. Qualcosa della saggezza di tuo padre ti ha contagiato?
Sì, al cento per cento. Mi ha dato le fondamenta e io ci ho costruito sopra. Ha lasciato la scuola in prima media per stare in strada, ma le nostre fondamenta sono le stesse. E questo è essere appassionatamente curiosi. Voler sapere sempre.

Quando ero bambino, essere un uomo d'affari significava indossare un completo ogni giorno e mangiare cene a base di bistecche. Ma indossi una tuta, bevi un succo verde. Cosa significa per te essere un imprenditore nel 2016?
La cosa più importante che significa è che devi essere infinitamente flessibile. La tecnologia sta cambiando ogni settore ogni singolo giorno. Adesso tutte le carte sono sul tavolo. E quando tutte le carte sono in tavola, il gioco cambia. Devi giocare in un modo diverso. Quindi penso che significhi essere curiosi e flessibili pur avendo principi in base ai quali vivere e barriere all'interno delle quali fare affari.