Michael Kors, Fashion Inferno

In quattro decenni è diventato una potenza della moda con un impero globale. Come? Andando alla grande e facendo tutto.

Michael Kors ha FOMO. Terribile FOMO, sottolinea, seduto nel suo ufficio, che si affaccia su Bryant Park e sul vivace centro di Manhattan. Per questo è andato alla serata inaugurale di Il Re Leone ieri, anche se al lavoro è stata una giornata pazzesca, e perché, nonostante abbia circa un milione di cose da fare, stasera andrà a vedere Jennifer Lopez esibirsi al Madison Square Garden; non mancherebbe per niente al mondo. Non è una possibilità, dice. Dopodiché, partirà per Fire Island, anche se lunedì dovrà tornare in città per il lancio del suo profumo con Gigi Hadid. Se non sei in giro, e non hai, sai, un po' di FOMO, un po' del tipo 'Cosa sta succedendo?', costantemente, rimarrai nella polvere.

Muoversi, tremare, tenere il passo con il polso, questo è l'ossigeno che ha tenuto in vita Michael Kors, la persona e il marchio, per tutti questi anni. È ciò che gli ha permesso di passare dalla sua posizione di migliore amica stilista di Claudia, Christy e Naomi a quella di migliore amica di Gigi, Bella e Kendall senza che sembrassero trascorsi 30 anni. (Aiuta il fatto che Kors, che ora ha 60 anni, abbia un aspetto da trattare con il diavolo o forse un dermatologo davvero bravo identico a come era quando aveva 30 anni: stesso completo tutto nero, stessa ciocca di capelli biondi da ragazzo , stesso viso sorridente—tondo, sodo e fulvo come una zucca e solitamente accessoriato con occhiali da aviatore.) La sua capacità di attrarre allo stesso modo i fan di Carolyn Bessette-Kennedy e quelli di Nicki Minaj ha consolidato il suo status di uno dei designer americani per antonomasia e gli ha permesso di far crescere la società che ha contribuito a costruire, ora chiamata Capri Holdings, in un impero con una capitalizzazione di mercato di $ 4 miliardi. È un colosso che racchiude non solo i tre brand che portano variazioni sul suo nome ma anche, più recentemente, Jimmy Choo e Versace. Queste due acquisizioni, dicono gli addetti ai lavori, annunciano quasi l'ambizione dell'azienda di diventare il prossimo grande conglomerato del lusso, una versione americana del potente LVMH francese Moët Hennessy Louis Vuitton. Non che Michael Kors stia ancora comprando lo Champagne o il cognac. In questo momento, non ci sono piani per questo, afferma Kors, che esita su questioni di business, oltre a consentire che questi siano tempi difficili per l'industria della moda: i grandi magazzini chiudono più velocemente di quanto si possa dire Amazon Prime, e la promessa del Internet si è trasformato in una sanguinosa battaglia in cui i marchi storici competono con i designer emergenti per consumatori sempre più esigenti.



Cosa vogliono? chiede retoricamente Kors. Loro vogliono qualunque cosa. 'Come mi fa sentire?' 'Posso indossarlo tutto l'anno?' 'Dove è stato realizzato?' 'Com'è stato realizzato?' 'Come sarà dopo 10 anni?' 'Mi annoierò con esso? ?' 'I miei auricolari vanno qui. Dove va a finire il mio telefono?' È un puzzle e cambia continuamente. Kors è orgoglioso di essere sempre stato un designer incentrato sul consumatore; il suo pane quotidiano è stato dare alle persone quello che vogliono, che, man mano che la sua azienda è cresciuta, si è sforzato di rendere disponibili a una varietà di fasce di prezzo. Facciamo tutto noi, dice con orgoglio.



La domanda se questo potrebbe essere troppo per un marchio di lusso è scoppiata la scorsa estate su Twitter, tra tutti i posti, dopo che un utente di nome Hoodwolf ha pubblicato una foto di quello che era apparentemente il suo braccio tatuato, drappeggiato con una borsa Kors: la Manhattan Cartella media in pelle con finiture a contrasto, venduta al dettaglio a $ 358. Tratta la tua ragazza, leggi la didascalia sul post.



uff! Come se! ha risposto un utente in quello che è diventato un pile-on. Michael Kors ha svalutato il loro marchio, ha riassunto un tweeter la cui biografia li ha identificati come un canadese schietto: TUTTI lo indossano ora! Ragazza che lavora al McDonalds... Ragazza che lavora al centro commerciale...