Miracolo a Tham Luang

L'incredibile storia di come una squadra di giovani calciatori e il loro allenatore siano sopravvissuti per 18 giorni in una grotta allagata.

Sei giorni dopo il miracolo, quando i ragazzi furono rinchiusi in un ospedale sterile e i sommozzatori erano volati a casa e quasi tutti i giornalisti si erano dispersi, la gente tornava alla grotta. C'erano abitanti dei villaggi delle pianure sotto il Doi Nang Non, le montagne che si ergono tra Thailandia e Myanmar, e c'erano volontari, centinaia di loro con le loro magliette giallo limone e berretti blu cielo, che erano stati lì per la maggior parte dei 18 giorni del miracolo aveva richiesto. C'erano anche monaci su una pedana improvvisata sul sentiero che conduceva alla grotta, e c'erano dignitari - autorità locali, le famiglie dei ragazzi che erano stati benedetti dal miracolo - in file di sedie sotto una lunga tenda.

La gente, molti di loro, ha portato offerte. Sotto l'imboccatura della grotta e davanti al grande cartello che annuncia il luogo come Tham Luang-Khun Nam Nang Non Forest Park, in una radura scavata nella terra battuta a lato della strada, hanno piantato piccoli gagliardetti bianchi e bastoncini di incenso e candele del colore della verga d'oro. Su un tavolo vicino ai monaci, lasciarono pesce e frutta e teste mozzate di maiali.



Questi erano doni allo spirito della caverna. Per quasi tre settimane, Tham Luang aveva tenuto dentro di sé una dozzina di giovani calciatori e il loro allenatore, che erano rimasti intrappolati dalle piogge torrenziali senza cibo né acqua né alcun modo per allontanarsi. Per la maggior parte di quel tempo, si presumeva anche, se raramente parlato ad alta voce, che alcuni di quei ragazzi, forse tutti quei ragazzi, potessero morire.



Il miracolo fu che non lo fecero.



I membri della famiglia pregano.

Membri della famiglia.

Sakchai Lalit



E così le persone sono venute la mattina presto, arrancando lungo la strada del parco dal posto di blocco della polizia, e hanno continuato a venire fino al pomeriggio, e sono rimaste fino a sera. I dignitari si sono seduti in silenzio sulle loro sedie, e i monaci hanno cantato, monotono e ritmico, e i volontari hanno riempito le aree vuote dove giorni prima erano stati i giornalisti e le bancarelle di cibo e le alimentazioni elettriche, tutti di fronte ai monaci sulla pedana . Rimasero in piedi per ore, solo di tanto in tanto inginocchiati, come se dal fango e dalla ghiaia fosse sorto un campo di enormi fiori gialli con il centro azzurro pallido, tutti insieme nel verde del bosco e nel caldo torrido di luglio, sotto un cielo pesante di nuvole ma perde solo una pioggia leggera e nebbiosa.