La sneaker più irrispettosa di tutti i tempi è tornata

Ritorna il famoso Step Over Reebok di Allen Iverson.

Allen Iverson ha incrociato Michael Jordan come un rookie e non si è mai guardato indietro da lì. Ha tracciato una strada profondamente individuale in un campionato che all'epoca stava spingendo l'omogeneità sui suoi giocatori, lasciando un impatto sul gioco ancora oggi sentito sia in campo che fuori. I suoi riconoscimenti sono infiniti: si distinguono 11 volte All Star, Rookie of the Year e tre volte All-NBA First Team. Ciò che quell'elenco di successi non include, tuttavia, è probabilmente il momento più iconico della sua leggendaria carriera. Non può includerlo perché non esiste una squadra All-NBA per Pulling Nasty Shit, nessun trofeo sponsorizzato da Kia per aver calpestato la reputazione di un uomo nel legno duro sotto il tallone delle tue Reebok. Eppure, quando la statua di Iverson viene eretta nel suo stato natale della Virginia, che sarà, uno di questi giorni, c'è solo un momento della leggendaria carriera di Iverson che può rappresentare: il passo oltre. E ora, la scarpa che ha indossato per il momento forse più iconico della sua carriera sta tornando.

Una sneaker da basket in bianco e nero

Per gentile concessione di Reebok



AI era uno scrapper e un overachiever, ma ancora, nessuno si aspettava che i suoi Sixers afflitti da infortuni avrebbero combattuto molto contro i Lakers che hanno battuto il mondo quando le squadre si sono incontrate nelle finali del 2001. E, alla fine, non l'hanno fatto, vincendo solo quella prima partita prima che i Lakers portassero a casa le successive quattro. Tuttavia, gara 1 di Iverson rimane una notte leggendaria di eroica pallacanestro che l'icona dei Sixers ha coronato con il momento più irrispettoso nella storia del basket moderno: il momento in cui ha mandato la guardia dei Lakers Tyronn Lue a terra con un crossover, e poi lo ha scavalcato ritorno in campo. Era Iverson distillato per un momento; un perdente che ruba una partita semplicemente perché voleva far pentire il mondo del basket pensando per un momento che non poteva.



Quella era l'intelligenza artificiale nella sua forma più cruda. Era il giocatore più implacabile, l'attaccante dei Dallas Mavericks (e collega atleta Reebok) Josh Richardson racconta a Tinews. Se voleva cavarsela da te, si stava cavando da te. Prima, durante o dopo lo spettacolo, se eri sul legno duro e non indossavi nero e oro, eri il prossimo. Non importava se era intorno a te, attraverso di te o sopra di te. E se ti hanno fatto sembrare sciocco, era quello. È sempre stato un concorrente per primo.



La prima scarpa firmata di Iverson, la Reebok Question, potrebbe essere la più amata della sua linea firmata. Ma è stata la risposta IV che ha indossato per tutta la sua stagione 2000-01, un anno di carriera che è culminato in un viaggio verso le finali e lo Step Over. Quella stagione ha visto l'AI Net MVP, All-Star MVP e i titoli di campionato in gol e palle rubate. È il tipo di corsa che immortala un giocatore e i calci che ha indossato lungo la strada.

Difficilmente una silhouette senza tempo, la risposta IV è una scarpa che urla 2001, dalla pelle martellata allo stampo ingombrante alla cerniera che nasconde i lacci immediatamente riconoscibile che corre lungo la parte centrale della scarpa. Ma una scarpa non ha bisogno di essere senza tempo per diventare un classico. Reebok ha recentemente riportato la scarpa in una colorazione rossa e bianca che è andata esaurita rapidamente, dimostrando che ci sono ancora molte teste là fuori affamate di vibrazioni vintage da cerchio.