Non dimenticare mai le scarpe da ginnastica più brutte che Kobe Bryant abbia mai indossato

Le scarpe Adidas ispirate all'Audi sono tra i peggiori mattoncini nella storia delle sneaker.

Dopo la stagione 2001, Kobe Bryant ha lasciato il suo allora sponsor di sneaker, Adidas, per il marchio rivale Nike, e il resto è praticamente storia delle calzature. In questi giorni, molti considerano la linea di scarpe firmate di Bryant come superata solo dalla leggendaria linea di Michael Jordan. Non è solo il loro stile elegante e moderno che ha catturato l'attenzione di fan e collezionisti allo stesso modo, è anche l'incorporazione coerente della sneaker delle ultime innovazioni di Nike, come Flyknit. Ma in (dis)onore dell'ultima partita di Kobe, stiamo riportando le cose ai tempi dell'Adidas, un periodo che ci ha regalato una delle sneaker da basket più brutte di tutti i tempi: The Kobe Two.

Mentre Adidas potrebbe dare a Nike una corsa per i suoi soldi oggi (vedi: NMD, Ultra Boost, Yeezy), le cose erano diverse nel 2001. Che Adidas avesse un Kobe Bryant appena entrato nel suo primo ruolo nel suo elenco è stato un risultato in sé e per sé. Eppure la Kobe Two, realizzata in collaborazione con Audi e ispirata all'auto sportiva TT della casa automobilistica tedesca, non è riuscita a capitalizzare il momento. (Caso in questione: il fatto che nessuno voleva questi e sono finiti nei punti vendita Adidas mesi dopo.) Tuttavia, il Kobe Two ha fatto un diavolo di pubblicità.



Non è giusto dire che il Kobe Two causato Kobe Bryant abbandona la nave Adidas a favore dello Swoosh. Ma nel 2001 si diceva che anche lui pensava che fossero brutti e orribili, il che lo fece tornare al Kobe One leggermente migliore durante le finali NBA di quell'anno. E dal 2001, lo stile di Kobe in generale ha fatto molta strada. (Guarda come sta bene in un completo con revers a lancia.) Ma anche nell'ultimo giorno della sua illustre carriera, è difficile dimenticare questo crimine contro le calzature.