L'unica domanda che non dovresti mai fare al tuo partner

Sei arrabbiato con me? è un flagello per le relazioni ovunque. Ecco perché.

Chiunque sia stato innamorato dovrebbe sapere ormai che la discordia occasionale nelle relazioni è inevitabile. Metti insieme due persone, aggiungi chimica romantica, tempo e forze esterne come stress sul lavoro o tensioni familiari, e ci sarà sicuramente qualche turbolenza tra tutti i baci amorosi e simili. Non sono bravo in matematica, ma so che questo è vero. Un'altra cosa che so? La comunicazione è la chiave di ogni relazione: la fiducia, anche il tuo costoso terapista dell'Upper West Side e la tua costosa amante dei sotterranei del Lower East Side sarebbero entrambi d'accordo. E a volte il conflitto è un sottoprodotto necessario di una comunicazione reale e onesta... questa è la vita autenticamente. Ma la buona notizia è che il conflitto può essere un'enorme opportunità di crescita e connessione una volta che... passare oltre la tensione scomoda e sulle ricompense sexy in attesa nella risoluzione.

cosa mettere nella barba

Sulla strada, però, permettimi di dirottarti lontano da un comune dosso, uno che sembra essere solo una piccola buca ma esercita una potenza sufficiente per far deragliare l'intero treno dell'amore. Di tutte le frasi ben intenzionate che puoi dire al tuo caro, ti prego, ti imploro, mai, mai, mai chiedi al tuo compagno, Sei arrabbiato con me?



AYMAM è la domanda più proibita dell'amore e maledirà la tua relazione con gli eternamente fastidiosi incantesimi delle catene di Sant'Antonio non inviate. Per ogni volta che qualcuno reagisce a un calo di morale del proprio partner chiedendo Sei arrabbiato con me? non solo un angelo muore, una fiamma di rabbia si accende simultaneamente nel cuore del loro amante.



Ricorda quella parte in La mummia (1999) quando Rachel Weisz mormora un incantesimo dal #BOTD (Book of the Dead), risvegliando accidentalmente lo spirito vendicativo di Imhotep, e quell'archeologo tizio chissà tutto su fastidiosi libri imprecazioni grida, NON DEVI LEGGERE DAL LIBRO!!



Allo stesso modo, non devi chiedere al tuo amante Sei arrabbiato con me?

Anche questa espressione risveglierà uno spirito vendicativo nel tuo partner, manifestandosi potenzialmente come un comportamento ancora più confuso o fastidioso da parte sua. (E davvero non lo vuoi quando eri appena esprimere preoccupazione per quelle che ritenevi fossero vibrazioni incerte che interrompevano il tuo tempo altrimenti divertente.) Anche se sei sinceramente curioso se sono arrabbiati con te, anche se non ti hanno parlato per tutto il giorno o la settimana e ti stanno dando la spallata fredda ( infatti, particolarmente poi), anche se si comportano come un passivo-aggressivo, deficiente, frenati. Lo so, lo so. È difficile! Ma questa distinta combinazione di cinque parole aggraverà senza dubbio qualunque problema sia già in serbo.



Potresti aver avuto le migliori intenzioni, desiderando sinceramente sapere cosa diavolo sta succedendo, ma tu dovresti saperlo che le buone intenzioni distribuite sconsideratamente spesso possono scadere prima che i loro benefici possano essere raccolti, proprio come i coupon Bed, Bath e Beyond.

Se nessuna di queste tracce, apriamo questo esagono secolare. La cadenza della frase si quadra come una leggera accusa: sei arrabbiato con ME? Stai diventando il soggetto qui, apparentemente dando la priorità a te stesso e ai tuoi sentimenti rispetto a quelli del tuo partner. È passivamente egoista e aggressivamente fastidioso. È come se il tuo ego fosse uscito dalle tue fauci e avesse chiesto con la sua migliore voce a Steve Urkel, ho fatto questo? È egocentrismo emotivo mascherato da preoccupazione, e serve principalmente ad alienare e ad arrabbiare. Implica che i sentimenti del tuo partner si rompano in un binario sì o no, e i sentimenti siano in non c'è modo binario, che, se hai passato in rassegna un film di Noah Baumbach nell'ultimo anno, non ti è più permesso fingere di ignorare questo fatto.