Le provocazioni dello chef Tunde Wey

Lo chef nigeriano con sede a NOLA ama servire un lato dell'arte della performance politica con il suo cibo, come ad esempio far pagare ai clienti bianchi e neri prezzi diversi per rispecchiare la disparità di ricchezza in America. Brett Martin si unisce a Wey sulla strada, dove sta spingendo ancora di più le sue istigazioni legate al cibo.

Nessuno è abbastanza sicuro cosa sta succedendo nella sala eventi della Westwood Baptist Church, University Center. Non le anziane signore nere del circostante quartiere di North Nashville, che arrivano esattamente in orario, convocate da una misteriosa cartolina inviata a 300 case, come il primo capitolo di un romanzo di Agatha Christie:

Caro vicino,
Siete cordialmente invitati a partecipare a una cena comunitaria in cui discuteremo di come porre fine alla gentrificazione a North Nashville... La cena è GRATUITA e sarà deliziosa! Non perdere il colpo di scena!



Non i giovani bianchi provenienti da più lontano, con le loro bottiglie d'acqua sottovuoto e le magliette 5K della giustizia sociale, che hanno sentito parlare di questo incontro su NPR o sul settimanale alternativo locale. Nemmeno il parroco, che fa capolino nella stanza, dove normalmente si usano i lunghi tavoli pieghevoli per i pasti ei gruppi di studio biblico, con aria perplessa. Le lampadine al neon ronzano, le scarpe da ginnastica di ogni arrivato cigolano sul pavimento di linoleum, e quelli già seduti si contorcono e mormorano tra loro goffamente.



A capotavola siede il loro ospite: magro, barbuto, 35 anni, vestito con una camicia da sera scura e pantaloni, e non ha fretta di interrompere qualunque increspatura di incertezza stia viaggiando su e giù per il tavolo. Un aiutante entra e esce da una cucina adiacente, consegnando silenziosamente piatti di carta Dixie Ultra. Su di loro si trova una carne del sud-e-tre attraverso l'Africa: una versione di efo riro , a base di cavolo cappuccio cotto; una zuppa di platano schiacciato; e infine, una versione nigeriana dell'esportazione culinaria più famosa di Nashville: il pollo caldo. Il nome di questo evento è Hot Chicken Shit. La svolta di cui sopra è che mentre la cena è gratuita per i residenti neri del quartiere, i prezzi per i visitatori bianchi sono elencati su un modulo di impegno ai loro posti: $ 100 per un pezzo di pollo; $ 1.000 per quattro pezzi. Per un uccello intero, con i lati, devi donare l'atto a una proprietà a North Nashville.



tunde wey in piedi su un balcone

Alla fine l'uomo a capotavola parla: Mi chiamo Tunde Wey. Sono nigeriano. Sono un cuoco. Sto cercando di vendere pollo per enormi quantità di denaro. Il piano, prosegue, è di porre fine alla gentrificazione. Si ride intorno al tavolo. Lo so, dice sorridendo. Ma il problema è scandaloso. Ho pensato che avrei escogitato un piano altrettanto oltraggioso per risolverlo.

Non potresti sperare in un credo più succinto per riassumere il lavoro in cui Tunde Wey è stato impegnato negli ultimi anni: un ibrido di azione politica, performance art, retorica rivoluzionaria, provocazione birichina e altri atti assortiti di intellettualismo pubblico , tutto costruito attorno a una critica al modo in cui mangiamo in America oggi.