Recensione A Quiet Place: Un film di mostri spaventosi

Il survival horror di John Krasinski è familiare in un modo nuovo.

Potremmo benissimo entrare in una nuova era del revival horror già in forte espansione. Forse ingiustamente, il genere è visto un po' come un punto di ingresso per i nuovi registi, che si fanno le ossa con i film di paura prima di andare avanti. John Krasinski è già molto affermato nel mainstream culturale. Ha già diretto film (anche se con discutibile successo) e, naturalmente, è responsabile di uno dei personaggi di sitcom più seminali e accattivanti del secolo. La sua decisione di riscrivere, dirigere e recitare in una sceneggiatura horror di alto livello che gli è venuta incontro non è un grande cambiamento, ma rappresenta un atteggiamento sempre mutevole verso l'horror come non solo una valida opzione per fare soldi, ma un'opportunità per avvicinarsi a stili cinematografici più stravaganti e ambiziosi.

E Un posto tranquillo non è altro che ambizioso. Ambientato in un futuro prossimo, in cui il mondo è stato quasi finito da creature misteriose e muscolose con un udito eccellente, il film segue una famiglia che vive in una fattoria remota in assoluto silenzio. Un sussurro fuori posto, un bicchiere caduto a terra, ed è tutto finito. Vediamo che gli Abbott erano forse meglio equipaggiati della maggior parte del mondo per sopravvivere con queste nuove regole: la figlia di Lee ed Evelyn, Regan, è sorda. In quanto tale, la lingua dei segni è stata parte integrante della loro vita molto prima che iniziassimo la storia.



In un'eccellente sequenza di apertura, Krasinski imposta magistralmente la posta in gioco e le regole senza una parola tra i cinque Abbott: Lee, Evelyn, i loro figli Marcus, Regan e il più giovane, Beau. Rovistando in un negozio di alimentari abbandonato, comunicando in modo efficace e senza parole. Sulla via del ritorno a casa, Beau fa partire il razzo giocattolo che ha preso dal negozio. Gli effetti sonori del laser metallico non sono mai stati così sinistri. Una figura alta e color ruggine irrompe dal bosco e prende Beau in pochi secondi. Non ha mai avuto una possibilità. Facciamo un salto in avanti di un anno.

Un posto tranquillo ha già fatto passi da gigante rispetto alla maggior parte dei principali film horror di studio in virtù del fatto che in realtà è piuttosto spaventoso, qualcosa che un numero scioccante di film horror non riesce a fare. ogni secondo di Un posto tranquillo è pieno di terrore opprimente, e Krasinski si diverte più di quanto forse dovrebbe nell'ideare e realizzare la dozzina di paure del film, che alla fine diventano un po' eccessive. Il film è un esperimento per trasformare l'antico tropo del 'silenzio lungo e teso seguito da un forte rumore improvviso' in uno spettacolo lungometraggio. Ci sono, forse, venti linee di dialogo parlate in tutto. Ci sono momenti di goffaggine, per quanto necessari. Non abbiamo mai avuto indizi sull'origine delle creature che hanno decimato il mondo come lo conosciamo, ma Lee è sicuro di tenere una lavagna nel suo seminterrato con informazioni sui mostri. 'BLIND' legge un punto elenco. Ah. 'COS'È LA DEBOLEZZA?' legge un altro. Mi chiedo. 'QUANTI IN ZONA? 3 CONFERMATO.' Grazie, Giovanni.

Per quanto coraggioso possa sembrare per un regista che sta ancora trovando i suoi piedi, Un posto tranquillo il concetto di è il più alto possibile. Entusiasmerà le folle del venerdì sera, ma corteggerà un pubblico più sensibile con la sua linea emotiva, che a volte si avvicina all'essere troppo sentimentale. Le virtù e le sfide di essere una famiglia, di proteggere la propria risuoneranno con tutti. E sebbene Krasinski e la compagna nella vita reale Emily Blunt facciano un buon lavoro come Abbott, non è che questo sia un lavoro pesante. Anche la decisione di Krasinski di scegliere Millicent Simmonds, un attore legittimamente sordo, nei panni di Regan è lodevole (anche se ci si dovrebbe davvero aspettare da qualsiasi film che si degni di includere un personaggio sordo). Lei è di gran lunga la parte migliore del film.