Il vero DJ dietro la jam di Baby Driver Canticchierai per tutta l'estate

Kid Koala ci racconta la vera storia di quel Kevin Spacey 'Era lento?' gancio e altro ancora.

Se hai visto Baby Driver , probabilmente sei uscito dal teatro con un piccolo gancio accattivante conficcato nella tua testa. 'Era lento?' chiede Kevin Spacey nel suo inconfondibile baritono, una domanda che il protagonista Baby (Ansel Elgort) registra e remixa segretamente nel suo inno privato.

Certo, qualcuno ha davvero tagliato quella traccia insieme. Per il mix effettivo e molti altri spunti audio chiave nel film, il regista Edgar Wright si è rivolto a DJ Eric San, meglio conosciuto come Kid Koala. Non appena Wright descrisse Baby Driver , San sentiva un'affinità con il personaggio del titolo. 'Ho passato gli anni delle scuole superiori a scavare tra i dischi parlati che potevo trasformare Frankenstein in nuove, strane piccole registrazioni', mi dice San. «Solo roba che mi farebbe impazzire. Quindi, quando Edgar mi ha avvicinato a questo proposito, ha detto 'Immagina se vuoi... un ragazzino goffo che vive davvero nelle sue cuffie, e gli piace stare a casa e fare strani mixtape fatti in casa e cose del genere.' E ho detto, 'Uh, penso di poterlo immaginare. Stai descrivendo praticamente tutta la mia vita al liceo.'



L'immagine può contenere: Edgar Wright, viso, umano, persona e barba

Come Edgar Wright ha quasi fatto saltare in aria la sua idea per Baby Driver in un video musicale del 2002

Tinews parla con il regista di un incidente mancato e presenta una featurette esclusiva.

San è stato incaricato di elaborare diversi spunti audio chiave per Baby, un audiofilo dilettante che registra abitualmente le conversazioni e le remixa su un impianto locale. 'Edgar ha inviato su un tavolo la lettura di alcuni dialoghi e mi ha chiesto di ascoltarne un po' e di trovare parti su cui potevo lavorare, cose divertenti', dice San. 'Baby dovrebbe essere questo DJ amatoriale lo-fi da camera da letto, che crea tracce tutto il tempo per il suo divertimento. Quindi ho usato i reperti del banco dei pegni e i reperti del mercato delle pulci, niente di troppo high-tech. Edgar voleva davvero mantenerlo in stile home studio. Così sono andato a scavare per qualunque cosa potesse dargli quel tono.'



Il trucco era far suonare le registrazioni di Baby bene senza farli suonare professionale . 'L'ho provato prima sui giradischi, unendoci dentro tutti i dialoghi, ma alla fine ha suonato un po' troppo completo', spiega San. 'Come qualcuno che girava da decenni, come sono stato io, ma Baby ha appena iniziato. Quindi l'ho provato su questo lettore di carte magnetiche, originariamente realizzato per una lezione di lingua della scuola elementare. Non esiste un modo semplice, elegante e senza attrito per graffiare quella cosa. Quindi, quando ho iniziato a provarlo, è uscito davvero più divertente. Mi ha fatto ridere.'

Oltre al lettore di carte magnetiche di classe ESL, l'eclettico DJ set analogico di Baby include anche una macchina suonata tramite penna e una scatola di meditazione buddista piegata a circuito. 'In pratica è solo un loop di 20 secondi [di un canto registrato], ma qualcuno lo ha hackerato e ha iniziato a presentare problemi', dice San. E Baby Driver include anche un cenno molto sottile a un altro mago dell'audio cinematografico: Ferris Bueller. 'Questo è un dettaglio davvero sottile che la maggior parte delle persone non noterebbe, ma uno degli altri strumenti che ho usato è stato l'Emulator 2, che è il campionatore che Ferris Bueller reso famoso. Ho messo la voce di Kevin Spacey nel Ferris Bueller campionatore e ha iniziato a scherzare con esso', spiega San. 'Il bambino parla con le frasi che sente in TV. Non ha avuto molte conversazioni reali crescendo, quindi tutto deriva dai film che guarda o dall'audio che registra.' Di corso avrebbe rintracciato l'attrezzatura di Ferris Bueller per uso personale.