La vera storia di Supreme

Uno sguardo esclusivo all'interno di come il nuovo marchio di abbigliamento newyorkese di James Jebbia è diventato una potenza mondiale dello streetwear nota per i suoi drop e le sue collaborazioni.

Da un isolato di distanza, si sentiva l'odore del Nag Champa nell'aria, come un segnale di fumo di legno di sandalo. Man mano che ti avvicinavi, potevi sentire la musica echeggiare attraverso il canyon di Manhattan, quindi vedere la folla fuori dall'edificio, a volte 40 o 50 di profondità, riversarsi dal marciapiede su Lafayette Street. Il fulcro di tutto era apparentemente un negozio, ma all'epoca, quando aprì per la prima volta, nel 1994, le attività di vendita al dettaglio sembravano secondarie al vero scopo di Supreme, che prese vita come un frenetico punto di ritrovo per il crescente centro di New York comunità skate.

A quei tempi Lafayette Street non era l'arteria commerciale che è ora, quindi i ragazzi dei quartieri e del New Jersey, Long Island e nord dello stato potevano incontrarsi senza doversi preoccupare di essere importunati dai poliziotti o di invadere le attività di lusso che ora punteggia il quartiere. A quel tempo, non c'erano barricate metalliche o guardie di sicurezza, anche se le famigerate file di clienti che alla fine avrebbero richiesto tali cose sarebbero iniziate abbastanza presto. Lontano dagli occhi, in un ufficio o in una stanza sul retro, l'uomo che ha evocato tutto in essere - il fondatore di Supreme, James Jebbia - potrebbe essere trovato al telefono, arringando i suoi fornitori, convincendo un'altra goccia di magliette, felpe e berretti. Era in missione per riempire i suoi scaffali perennemente vuoti, insensibile all'idea che qualcosa di grandioso stesse prendendo forma.



Uno di quelli che si accalcava nel negozio era il regista Harmony Korine, che si era trasferito nel suo primo appartamento, a un paio di isolati di distanza, pochi mesi prima dell'apertura di Supreme. Non ci ho mai nemmeno pensato, all'inizio, come un'impresa, mi dice. Era più un luogo di ritrovo. Sai, un posto per quella banda specifica. L'inizio di Supreme è coinciso con la realizzazione del primo film di Korine, bambini , diretto da Larry Clark, che ritraeva notoriamente lo stile e le buffonate della stessa troupe in centro. Era crudo, dice dell'energia che il negozio ha attinto. Era un atteggiamento specifico, e probabilmente il DNA è [ancora] lì adesso, ma era davvero un puro tipo di street skating newyorkese.

un uomo siede dentro la vetrina del negozio supremo

Supreme in Lafayette Street, 1995.

Sue Kwon

L'appello di Supreme è stato immediato. Jen Brill, che oggi è un importante direttore creativo di New York con stretti legami con il marchio, era una studentessa delle superiori dell'Upper East Side nel 1994, quando iniziò ad avventurarsi per la prima volta a Lafayette, solo per vedere chi lavorava nel nuovo negozio di skate . Erano i ragazzi più carini con gli stili migliori e le attitudini più merdose, dice. C'era un'energia pazzesca intorno al negozio. Non sembrava un negozio. Perché sicuramente non volevano venderti nulla. Forse non ti volevano nemmeno nel negozio.

Brill non era l'unico colpito da ciò che stava accadendo in centro. Il pattinaggio ha goduto per anni di una reputazione grintosa a New York, ma improvvisamente le frange culturali si sono scontrate con il mainstream. bambini è stato rilasciato nel 1995, ma così è stato ignaro, interpretato da Alicia Silverstone, che rappresentava un tipo di skate crew fondamentalmente diverso ma ugualmente stilizzato. Nello stesso anno ESPN ha tenuto i primi X-Games, uno spettacolo per il mercato di massa che ha messo lo skateboard nella compagnia poco dignitosa di altri sport estremi, come lo slittino da strada e lo sky surf.