La stagione 2 della serie non è stata un fenomeno, ma è stata comunque piuttosto fenomenale

Si è proposto di trovare un particolare frammento di verità, e invece ha scoperto una verità di tipo più ampio, più esistenziale.

Quindi la seconda stagione di Serial si è conclusa ieri, come è iniziata, con una sorta di colpo di stato. Nel primo episodio, quel colpo di stato era la voce di Sgt. Bowe Bergdahl, la cui improbabile decisione di lasciare la sua base in Afghanistan ha portato a cinque anni di prigionia con i talebani, e che ha parlato in pubblico per la prima volta per Seriale – o più precisamente, allo sceneggiatore Mark Boal, che aveva poi prestato i suoi nastri al podcast. Ieri, il risultato dei rapporti è stato più granulare, ma ancora conquistato a fatica. La conduttrice Sarah Koenig e il suo team hanno usato il loro finale di serie per indagare su una domanda a cui nessuno nell'esercito o nel governo sembra essersi preso la briga di rispondere: erano morti dei soldati nella ricerca di Bergdahl, dopo che aveva lasciato la sua base ed era stato catturato? La risposta, hanno appreso, nonostante le credenze contrarie sostenute da molte persone, compresi i soldati che hanno prestato servizio con Bergdahl, sembra essere stata un no qualificato. I soldati hanno sofferto, alcuni molto gravemente, mentre lo cercavano. La nostra missione in Afghanistan è cambiata in modi vasti ma non quantificabili a causa della ricerca. Ma nessun soldato sembra aver perso la vita nel tentativo di recuperare Bowe Bergdahl.

Ma lo sprawl dello spettacolo - e, francamente, la sua occasionale confusione - era fedele alla storia che stava raccontando. O forse, la mancanza di storia che stava raccontando. Perché questa era la cosa su Bowe Bergdahl, si è scoperto: non aveva una storia coerente da raccontare.



Quindi ci sono i tuoi reggilibri e un breve riassunto della trama. Ma questa volta, Seriale non si trattava davvero di risolvere un mistero. Riguardava così tante cose, in realtà, che è difficile dire esattamente di cosa si trattasse. Uno sguardo alla mente e alle motivazioni di un ragazzo, Bowe Bergdahl, che ha preso una decisione sorprendentemente sbagliata in un'età sorprendentemente giovane con conseguenze sorprendentemente negative, sicuramente. Com'era essere un soldato di fanteria in una guerra in Afghanistan che nessuno sembra aver capito, di sicuro. Piace Seriale la prima stagione riguardava anche i reportage: come funziona, dove ti porta e dove non ti porta.



miglior shampoo e balsamo per la caduta dei capelli degli uomini

E così via. Come potrebbe dire Koenig: Torneremo su questo. Ma prima: questa è forse una cosa ovvia da dire su uno dei podcast più scaricati su Internet, ma la seconda stagione di Seriale è stato sorprendentemente buono, anche se in un modo più esteso rispetto alla prima stagione. La gente lo sa? Non ne ho idea. Di norma, non è giusto parlare di cose come Seriale in termini di come reagisce o non reagisce il suo pubblico percepito, ma qui penso che ci sia qualcosa nella reazione. Viene ancora ascoltato. Ma è stata anche una sorta di delusione culturale, almeno rispetto alla scorsa stagione: qualunque presa avesse sullo spirito del tempo sembra essersi dissipata. Lo spettacolo è caduto in quella zona culturale inferiore in cui una cosa continua ad esistere in bella vista, nonostante il fatto che la gente non ne parli o ne scriva molto in pubblico. Penso che potrebbe anche riguardare quanto sia buono, in realtà.



Ecco cosa pretendeva di affrontare questa stagione: cosa è successo quando Bergdahl ha lasciato il suo incarico? E perché lo ha fatto? Per diversi episodi, è un po' quello a cui si sono attaccati Koenig e Boal: hanno indagato su questa domanda. Poi lo spettacolo è andato bisettimanale. Ha iniziato a espandersi. All'improvviso si trattava di Richard Holbrooke e di diverse filosofie della diplomazia. Si trattava di come un governo potrebbe negoziare con i talebani. Come si fa a far uscire un detenuto da Guantanamo? Cosa è successo, esattamente, nei primi giorni della guerra in Afghanistan? E per quanto riguarda la cosa di Susan Rice...

Ma lo sprawl dello spettacolo - e, francamente, la sua occasionale confusione - era fedele alla storia che stava raccontando. O forse, la mancanza di storia che stava raccontando. Perché questa era la cosa di Bowe Bergdahl, si è scoperto: non aveva una storia coerente da raccontare. Ecco perché ha fatto quello che ha fatto. Questa era una persona, come scopriamo, che avrebbe preferito essere un samurai o combattere in una guerra precedente, con un chiaro scopo. È andato in Afghanistan ed è impazzito per la mancanza di uno. Voleva essere un eroe, ma non poteva esserlo. Volevo sentirmi al sicuro ma non lo era. Voleva una missione ma non ne aveva una. La sua decisione di lasciare la base - e di attivare un DUSTWUN, per richiamare l'attenzione su quelli che vedeva come problemi pericolosi nella leadership militare in Afghanistan - era, in fondo, un tentativo di dare una narrazione a un'esperienza che era frustrantemente priva di narrativa.