Una quantità impressionante di plastica riciclata americana non viene effettivamente riciclata

Gli Stati Uniti e altri paesi stanno scaricando più plastica nei paesi in via di sviluppo di quanta ne possano effettivamente gestire.

Gli americani producono ogni anno quasi 35 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. La roba impiega fino a 400 anni per rompersi, e nemmeno il 10 percento di essa ottiene riciclato . Ma, secondo un nuovo rapporto di Il guardiano , quella piccola plastica che gli americani cercano di riciclare spesso finisce nei paesi poveri del mondo in via di sviluppo, dove si trova nelle discariche e nelle piccole città.

Fino al 2017, la Cina e Hong Kong erano responsabili della lavorazione di circa la metà di tutta la plastica statunitense destinata al riciclaggio. Ma gran parte della plastica che hanno ricevuto dagli Stati Uniti era ricoperta di cibo, sporcizia o era altrimenti contaminata o non riciclabile che è finita nelle discariche cinesi, quindi il governo ha deciso di chiudere il programma. Esaminando i registri di spedizione e i dati di esportazione dell'U.S. Census Bureau, Il guardiano ha scoperto che gli Stati Uniti stanno ancora esportando più di 1 milione di tonnellate di plastica all'anno, in gran parte in paesi 'che ci stanno già annegando'. Come Il guardiano rapporti:



Prendi il Vietnam. Minh Khai, un villaggio sul delta di un fiume vicino ad Hanoi, è il centro di un'industria artigianale per la gestione dei rifiuti. Rifiuti provenienti da tutto il mondo, inscritti in lingue dall'arabo al francese, fiancheggiano quasi tutte le strade di questa comunità di circa 1.000 famiglie. Gli operai delle officine improvvisate sfornano pellet riciclati tra i fumi tossici e il fetore dei camion carichi di rottami che vengono trasportati lì ogni giorno. Anche l'arco di benvenuto di Minh Khai, adornato con bandiere rosso vivo, è fiancheggiato da rifiuti di plastica su entrambi i lati.



La plastica americana si sta accumulando in alcuni dei paesi più poveri del mondo: Bangladesh, Etiopia, Senegal, Ecuador, Cambogia. Spedire materiali riciclabili in tutto il mondo per la lavorazione in fabbrica non è certo una soluzione 'verde', ma la manodopera in questi paesi è spesso a buon mercato e ci sono poche o nessuna normativa ambientale. Non sorprende che, considerando la mancanza di supervisione, molti di questi paesi stiano anche gestendo male la plastica che lavorano, a volte semplicemente scaricandola direttamente nelle discariche a cielo aperto. La ricercatrice dell'Università della Georgia Jenna Jambeck ha scoperto che la Malesia smaltiva in modo improprio il 55 percento della plastica spedita lì. In Vietnam arriva fino all'86 percento.



Questo non è un problema esclusivamente americano. Nel 2013, il Canada ha etichettato erroneamente 69 contenitori di spedizione 2.450 tonnellate di spazzatura come 'riciclabile' e li ha spediti nelle Filippine. Gli anni di inattività del Canada per riportare indietro la spazzatura hanno indotto Rodrigo Duterte, presidente delle Filippine, a richiamare il suo ambasciatore a Ottawa all'inizio di quest'anno. Alla fine, invece di occuparsene più a lungo, le Filippine hanno pagato per riportare tutto a Vancouver.

In effetti, l'inquinamento da plastica è una catastrofe globale. Ogni anno finiscono negli oceani tra 1,15 e 2,4 milioni di tonnellate di plastica. Il Pacific Garbage Patch, la più grande di cinque enormi zattere di spazzatura galleggiante negli oceani del mondo, è ora il doppio del Texas, secondo Forbes . Nell'ultimo anno, numerose balene si sono arenate morte sulle spiagge di tutto il mondo con i loro stomaci ripieni di sacchetti di plastica plastic e altri detriti. Ora c'è abbastanza plastica di lunga durata a livello globale che sarà una parte permanente di record fossili dell'umanità .



La plastica è stata prodotta in serie solo dagli anni '60 e se ne stimano già 8,3 miliardi di tonnellate in tutto il mondo, secondo National Geographic . Ci vorrà più che rimescolarlo in giro per il mondo per affrontare davvero l'enorme portata del problema.