Dove le creature selvagge vengono catturate, il terrore dell'infanzia di Spike Jonze

Celebrando il suo anniversario questa settimana, il film per bambini che non è per bambini—Where the Wild Things Are—è il capolavoro non celebrato di Jonze.

La sensazione prevalente che provo guardando Dove sono le cose selvagge è la paura. Di certo non sono solo in quella sensazione— Dove sono le cose selvagge è, ammettiamolo, un film terrificante. È un film in cui gli arti vengono strappati, i gufi vengono sparati dal cielo (e dovremmo essere d'accordo, immagino) e un bambino vive sotto la costante minaccia di essere mangiato dai mostri. Avevo 11 anni quando Dove sono le cose selvagge è stato rilasciato una decina di anni fa, e praticamente tutto mi ha spaventato. Lo fa ancora, ma guardandolo nuovamente, ciò che mi ha spaventato di più è stato il palpabile senso di solitudine che permea l'intero film. È una sensazione spiacevole avere vent'anni, non importa come bambino .

Come ha continuato a chiarire il regista Spike Jonze, Dove sono le cose selvagge non è un film per bambini, ma un film di bambini. Ma sarebbe un disservizio dire che i bambini non dovrebbero guardarlo. È un film in cui le voci di Forest Whitaker, Paolo Dano , e una Catherine O'Hara gloriosamente sconvolta rappresentano quelle emozioni disordinate che un bambino non è in grado di articolare finché non le sperimentano da sole. Come rappresentare la realtà terrificante e sconosciuta della crescita se non attraverso il prisma dell'immaginazione infinita di un bambino?



L'adattamento di Spike Jonze del famoso libro per bambini di Maurice Sendak rimane fedele al materiale originale (dovrebbero essere prese alcune libertà estreme per divergere dalle dieci frasi del libro), ma esiste come un'espansione impennata di ciò che Sendak ha creato per la prima volta nel 1963. Aggiunge un retroscena e dettaglio al petulante Max di nove anni (Max Records): i suoi genitori sono divorziati, sua sorella lo ignora e i suoi amici sembrano inesistenti. Dopo un litigio con sua madre, interrompendo il suo appuntamento notturno, scappa di casa, solo per scoprire una barca che lo porta attraverso l'oceano fino alla terra delle Cose Selvagge.



Con le loro corna smussate, gli artigli giganti e gli occhi sporgenti, i Wild Things sono come inquietanti orsacchiotti con una fame di bambini piccoli. Come Max, per loro amore e aggressività vanno di pari passo. Se siamo arrabbiati, il tuo compito non è arrabbiarti con noi, dice una delle Cose Selvagge dopo che Max le ha urlato contro. Il nostro compito è essere sconvolti. Se mi arrabbio e voglio mangiarti, allora devi dire: 'Oh ok, puoi mangiarmi'. Ti amo.' Le cose selvagge mostrano affetto attraverso la distruzione, incapsulando i sentimenti complicati che crescono in lui man mano che cresce. Per Max, queste emozioni volatili sono impossibili da discernere. Dove sono le cose selvagge mancano risposte semplici, perché è di questo che parla il film: la confusione dell'infanzia.



La paura del film è forse la più grande macchia sulla sua eredità. Nonostante una calda accoglienza della critica, i resoconti di bambini spaventati alle proiezioni di test abissali, insieme all'idea sbagliata che si trattasse di un film per bambini, hanno portato a travolgenti polemiche che hanno offuscato la sua uscita. Nessuno dietro il film credeva nemmeno che fosse spaventoso. Quando all'autore del libro, Maurice Sendak, è stato chiesto se l'adattamento cinematografico sarebbe stato troppo spaventoso per i bambini, ha disse avrebbe detto ai genitori di andare all'inferno.

Spike Jonze era riluttante a dirigere Cose selvagge all'inizio, avendo già provato e fallito a realizzare un adattamento di un libro per bambini di Harold e il pastello viola e ho visto la macchina corruttrice che è il cinema in studio. Ma Maurice Sendak, l'autore del libro, credeva che Jonze fosse l'unica persona in grado di portare la sua storia più amata sul grande schermo. Fu un'epifania che gli fece cambiare idea: le cose selvagge sono emozioni selvagge. Da bambino, era davvero spaventoso e confuso, sia le emozioni selvagge in me che le emozioni selvagge nelle persone intorno a me, ha detto una volta Jonze a Tinews. Emozioni imprevedibili, positive o negative: non sai da dove vengono, non sai cosa significano.