Stephen A. Smith non è mai soddisfatto

È un gigante dei media sportivi. Un uomo che si è fatto da sé che ha superato enormi difficoltà per diventare la più grande star di ESPN. Ma ora che ha raggiunto la vetta, dove va Stephen A. Smith da qui? Drew Magary tenta di tenere il passo con lo stesso Take-Master.

Stephen A. Smith non dovrebbe parlare in questo momento. Sono le 6 del mattino la mattina di gara 3 delle finali NBA, e il più grande nome di ESPN è sceso con un mal di gola che gli ha teso un'imboscata nel bel mezzo della notte precedente. Di conseguenza, oggi Stephen A. non farà il suo solito programma radiofonico. Non taglierà nemmeno un teaser promozionale per Primo Take , il dibattito sportivo mostra che presiede che ora è il gioiello della corona della programmazione TV diurna di ESPN. Oggi siamo al ristorante Lake Chalet di Oakland per una registrazione a distanza di quello spettacolo, e quando un addetto alla produzione chiede a Stephen A. se può prestarglielo in dieci minuti per fare un promo, sbianca.

Quindi mi hanno preso in giro, conoscendo la mia voce? le chiede, senza tradire nelle sue ferme parole che la sua voce sia inferiore al 100%. Perché dovrebbero farlo? Devo salvare la mia voce. Non chiedermi di parlare finché non sarà necessario. Non ha senso?



C'è una fila avvolta intorno all'esterno del ristorante: persone che aspettano qui dalle 4 del mattino, svegliandosi prima dell'alba o rinunciando del tutto a dormire. Ci sono fan di Warriors in questa linea, naturalmente, tutti arroganti e beatamente ignari del disastroso finale di Finals che li attende. Ci sono anche tifosi dei Lakers, un tifoso solitario dei Bulls, un tifoso degli Sharks, a marroni fan (che mi ha detto che gli piacciono i Cavs AND the Warriors), genitori con bambini piccoli e un fan dei Kansas City Royals per qualche motivo. Ognuno di loro ha la propria particolare lealtà alla squadra, ma sono qui perché sono TUTTI fan di Stephen Anthony Smith e hanno poca scrupoli a spiegare perché:



Adoro le sue reazioni alle cose. Non ha paura di sembrare stupido davanti alla telecamera.



Fa bene a essere te stesso, a dire quello che pensi.

Mi piace come Stephen A. sia molto loquace come uomo di colore. Fa più di molte altre analisi su molte altre piattaforme come Fox News e cose del genere e non viene nemmeno compensato per questo. Lo fa per amore della cultura, ed è una delle poche persone che lo fa davvero per te.



A un ragazzo in fila non piaceva la posizione dura di Stephen A. contro il fumo di erba. Sei nella Bay Area. Mi dispiace, fratello. Dovresti fumare erba, fratello. Ma ovviamente, tali obiezioni non hanno impedito a questo ragazzo di venire. È ancora un fan di Primo Take . Inoltre, è decisamente alto.

Stephen A. (e mi riferirò a lui come Stephen A. per il resto qui, perché sarebbe profondamente sbagliato non farlo) deve preservare con cura la sua voce per queste persone. Il suo persone. Ne ha molti adesso. Ci volle molto tempo perché il pubblico in generale abbracciasse l'uomo; in particolare gli americani bianchi che forse non erano abituati a un ragazzo di colore in TV che fosse così impenitentemente assertivo e sfacciato. Brutta merda per loro. Primo Take è lo show via cavo n. 1 nella sua fascia oraria con i giovani: un pubblico totale di quasi mezzo milione di persone e in crescita. Più della metà di quel pubblico è nero, ma non mancano nemmeno i bianchi. In effetti, Stephen A. è così popolare su tutta la linea che quando è andato a Toronto per le prime due partite di queste finali, è stato scortato dalla polizia nell'arena.

Anche le persone che amano odiare Stephen A. lo amano e lui ricambia il loro amore. Il vicepresidente della produzione di ESPN, David Roberts, me lo ha detto: quando andremo a Dallas per il calcio d'inizio della NFL, sono sicuro che ci saranno 2.500 persone che vorranno ottenere il suo autografo e fischiarlo allo stesso tempo. Il collega ESPNer Dan Le Batard mi ha detto che Stephen A. è la cosa più vicina che abbiamo a Howard Cosell nel 2019. E molti dei suoi contemporanei sono d'accordo. Non è solo il nome più importante di ESPN; è spesso la stella più grande e forse più pagata quando entra in una determinata arena NBA. (Secondo Andrew Marchand del New York Post , ESPN ha fatto Stephen A. il loro talento più pagato di sempre con la sua nuova estensione del contratto: quasi $ 8 milioni all'anno.) È un'attrazione così grande ora che non può più guardare le partite di persona da un posto, optando invece per guardare dal tunnel, spesso affiancato dalle guardie di sicurezza dell'arena che lo lasciano felicemente nel giunto senza credenziali. Il suo nome e la sua voce... queste SONO le sue credenziali.