Il Supra Skytop era molto in anticipo sui tempi

La scarpa preferita della tua celebrità del 2008 circa era una scarpa bella e brutta prima che le scarpe brutte diventassero cool.

Negli anni prima le riviste di gossip hanno lasciato il posto a Instagram, le sneakers da capogiro sono diventate radicate nelle celebrità americane contemporanee. Nel 2018, non sussultiamo quando i due terzi dei Migo indossano l'ugly-chic Balenciaga Triple S, o quando la top model e famosa fidanzata Hailey Baldwin esce nell'aggressivo Louis Vuitton Archlights. Ma molto prima che le sgargianti scarpe firmate di oggi dominassero il quarto inferiore delle foto dei paparazzi, c'era un'altra sneaker accattivante di cui le celebrità non sembravano averne abbastanza. Non proveniva da una casa di lusso francese o italiana, o progettata da un famoso rapper. In effetti, la sneaker non proveniva nemmeno da un'etichetta di moda: proveniva da un marchio di skate proveniente da un sobborgo cittadino senza pretese nel sud della California. Il marchio era Supra, la sneaker era la Skytop, ed era impossibile non vederlo durante la fine degli anni 2000 e l'inizio del 2010.

L'immagine può contenere Persona umana Moda Abbigliamento Calzature Abbigliamento Premiere di scarpe Red Carpet and Red Carpet Premiere

L'uomo, il mito, il Muska.



John Shearer



La Supra Skytop è una scarpa da skate alta e lucida che potrebbe facilmente passare per una costosa sneaker di design, almeno a prima vista. In realtà, la sneaker ha più in comune con un paio di Vans che con le scarpe che compreresti da Bergdorf Goodman, che costano circa $ 120. Ma quando è apparso sulla scena, Skytop era una parte inevitabile della moda delle celebrità durante un'epoca in cui i contenuti delle celebrità provenivano ancora rigorosamente da blog di stile e siti Web di gossip. Si è presentato alle prime del tappeto rosso e al di fuori dei locali notturni, indossato da musicisti in cima alle classifiche come Justin Bieber e Lil Wayne e star del cinema come Bradley Cooper.



Per il suo tempo, la Skytop era selvaggia come le sneakers, rivoluzionaria nella sua combinazione di resistenza pronta per lo skate, silhouette stravagante e colorazioni seriamente fuori dal comune. Era una sneaker bella e brutta prima che le scarpe da ginnastica brutte diventassero belle. Ha anche cementato una manciata di idee, come il marketing guidato da influencer e hype, a cui non ci pensiamo due volte oggi. E poi, mentre lo spirito del tempo della moda delle celebrità passava alla tendenza successiva, la scarpa svanì lentamente dai riflettori di Hollywood e tornò negli skatepark e nei corridoi delle scuole superiori da cui proveniva.


Guarda ora: vai dietro le quinte del servizio fotografico di Jaden Smith

Lo Skytop è stato progettato da Chad Muska , carismatico skater professionista del team Supra, insieme a Josh Brubaker, il primo designer di calzature assunto presso l'azienda. Supra, che è stata fondata nel 2006, è ampiamente accreditata per aver fatto esplodere la categoria dello stile di vita da skate che alla fine avrebbe portato ogni centro commerciale di periferia ad avere un PacSun e uno Zumiez, e ora ogni ragazzo della moda possiede un paio di Dickies. Ma quando si sono seduti per progettare lo Skytop, Supra era solo un piccolo marchio di skate che cercava di farsi un nome.



Quando ci siamo incontrati per la prima volta, Chad è entrato con una grande valigia piena di scarpe per prendere ispirazione. Sapeva esattamente cosa voleva, afferma Brubaker, che ha lavorato in Supra fino al 2013 e ora dirige il suo marchio di calzature con suo fratello . Ero così eccitato che ci ho lavorato giorno e notte e gli ho inviato due opzioni il giorno successivo. Ha detto 'Questo è quello' e l'abbiamo inviato per il campionamento. Non capita spesso di sentire parlare di una sneaker di successo progettata in un solo giorno; il processo allungato di solito include schizzi approssimativi, modelli tridimensionali e cicli di revisione del progetto. Ma a quei tempi, Supra era una piccola azienda scadente, il che significava che potevano muoversi molto più velocemente rispetto ai più grandi marchi di scarpe. E cosa c'era nella valigia?