Questa non è una bambola Barbie. Questo è un vero essere umano.

Come la chirurgia plastica ha trasformato questa donna in una bambola vivente

Secondo le istruzioni di Barbie, entro nel Kamasutra, una versione ucraina illuminata di un ristorante indiano. Immagina un appuntamento al buio, con tutta l'inserviente 'Assomiglia alla sua foto?' nervosismo, moltiplicato per la nauseante paura che lei lo fa? assomiglia alla sua foto. Se vedessi le foto che ho visto io, capiresti. Sapresti che incontrare Valeria Lukyanova è la cosa più vicina a cui ti avvicinerai a un incontro alieno.

I suoi sguardi improbabili—i guardoni di Margaret Keane, la testa inclinata in modo interrogativo come un girasole troppo pesante per il suo stelo, la pelle plasticosa e la vita da vespa—hanno raggiunto l'Occidente quando i suoi video fatti in casa hanno iniziato ad attirare curiosi su YouTube. I media occidentali si sono affrettati a soprannominarla la 'Barbie umana', ma Valeria non è stata certo la prima Homo sapiens per farsi volontariamente sembrare una bambola, non è stata nemmeno la prima a guadagnarsi il soprannome: qualche anno fa alcuni inglesi danneggiati dai tabloid ne hanno rivendicato la proprietà. Eppure, dove altri si erano dilettati, è andata per tutto. Per quanto strana fosse la sua visione della perfezione, sembrava averla raggiunta.



olio di argan per viso e capelli

Valeria non era coinvolta nel marchio Barbie. Preferiva chiamarsi Amatue, un nome che sosteneva le fosse apparso in sogno. La maggior parte dei video di Amatue erano pensati per essere una sorta di trascendentale lezioni di auto-aiuto. Non sono sicuro. Come tutti, stavo fissando troppo la sua immagine sullo schermo per ascoltarla davvero. Era reale, nel senso che esisteva nel mondo tridimensionale, o un esperimento di Photoshop impazzito?



Beh, Valeria esiste, d'accordo. È seduta in fondo al ristorante nella sua posa classica, in modo soprannaturale eretta, con la testa inclinata. Al suo fianco siede la spalla Olga 'Dominika' Oleynik, una delle numerose apostole simili a bambole di Lukyanova. Cammino attraverso il ristorante, che è vagamente pornografico, come tutto il resto a Odessa, e Barbie si avvicina e diventa più reale ad ogni passo. Le sue nuovissime estensioni dei capelli, del colore dello Chardonnay, scendono dritte, raggiungendo i suoi fianchi inesistenti. La sua bocca è congelata in un mezzo sorriso vacuo; i denti sono piccoli e quasi traslucidi. Ha in mano una borsetta a forma di lanterna. Una spilla con un teschio sorridente con un occhio solo è appollaiata sul suo top azzurro cielo, spinta di lato dalla vera e propria mensola di silicone attorno alla quale sembra disposto tutto il suo corpo. In carne e ossa - quel poco che non ha ridotto con quello che dice essere esercizio e dieta - Valeria assomiglia quasi esattamente a Barbie. Potrebbe esserci una postproduzione in stile Loretta Lux per le sue foto, certo, ma non è cruciale. Questo è dal vivo. Sta succedendo questo.



'Ciao,' dice in russo, rimanendo perfettamente immobile. La sua bocca, come in un cartone animato da quattro soldi, è l'unica parte di lei che si muove. Gli occhi, gli occhi sbarrati, sono i più spaventosi. Parte di ciò che vedo è un effetto ottico causato dal trucco (c'è essenzialmente un occhio disegnato intorno a ciascun occhio), ma anche dopo aver apportato la correzione mentale, gli occhi di Valeria rimangono spaventosamente grandi. Le voci di corridoio su Internet affermano che si è tagliata le palpebre per ottenere questo aspetto, che sembra improbabile e suona da incubo. L'evoluzione ci ha insegnato a pensare agli occhi grandi come belli - è una cosiddetta caratteristica neotenica, che implica la giovinezza - ma modifica leggermente quella scala delicata e hai uno spettro, o un insetto. Una Barbie vivente è automaticamente una Uncanny Valley Girl. La sua bellezza, anche se esito a usare il termine, è proiettata nel precipizio esatto in cui lo sguardo maschile si raggomitola su se stesso. Le sue caratteristiche sono le caratteristiche che noi uomini attribuiamo scherzosamente alle donne ideali; è così che li disegniamo nei manga, nei fumetti e nei videogiochi. Tranne che non ci aspettiamo che rispettino questa fantasia opprimente in modo così completo. Di conseguenza, quasi ci ributta in faccia la nostra idea di una super volpe.

Per un po' mi limito a guardare, il che normalmente sarebbe scortese. Qui, però, l'atto di guardare sembra un esperimento condotto su di me. Dovrei essere attratto, respinto o meditare sul sessismo di quella dicotomia?



donald trump star di hollywood walk of fame

Rispetto a Valeria, Olga è solo un essere umano con un sacco di trucco, né più né meno aumentato di qualsiasi corpo di Miami Beach, che indossa una sorta di vestito viola da Power Ranger (disegnato da sé, spiega in seguito). Capisco subito perché Valeria insiste per averla intorno. Sembra essere lì per scalare, per sottolineare sottilmente l'etereità di Valeria.

Ordiniamo del cibo, per così dire. Essendo il Kamasutra un ristorante indiano, ci sono i soliti tre chutney sul tavolo: menta, tamarindo e peperoncino. Valeria prende un succo di carota, poi rovescia tutti e tre i chutney, agita il risultato con la sua cannuccia e beve. Questo mix che induce il bavaglio, spiega, è la sua cena; sta seguendo una dieta completamente liquida in questi giorni. Non so bene dove andare da lì, quindi chiedo delle sue unghie, che presentano un complicato disegno puntinista di rosa, lavanda e turchese. 'Questo è un modello frattale della ventunesima dimensione', spiega in modo pratico. 'L'artista delle unghie ha impiegato molto tempo per farlo bene. Mi è venuto in mente in un sogno.'