L'arrivo tempestivo e l'ambizione urgente di Jonathan Majors

In 'Da 5 Bloods' di Spike Lee, è emerso come una star brillante e carismatica. Ora sta incanalando i suoi doni per dare vita all'epopea non raccontata dell'America nera.

Il giorno dopo la morte di George Floyd, quando la notizia ha raggiunto Jonathan Majors, era lontano da casa. Ma sapeva con chi voleva entrare in contatto. E così ha scritto tre lunghi messaggi a Spike Lee. Aveva già scritto messaggi con il regista, quando ha saputo della morte di Ahmaud Arbery. Ora, in una calda notte di fine maggio, mentre il paese stava per scoppiare, il suo telefono squillò con una risposta. Tutto quello che ha risposto è stato: 'Siamo fatti per questo', mi dice Majors. Mi stava facendo da mentore. E sento che lo siamo. Siamo fatti per questo.

L'immagine può contenere Abbigliamento per persona umana Abbigliamento Cappello e rivista

Jonathan Majors copre il numero di ottobre 2020 di Tinews. Clicca qui per iscriverti a Tinews



Blazer, $ 1.500, e pantaloni, $ 490, di Martine Rose / Shirt, $ 520, di Givenchy / Boots, $ 780, di Alexander McQueen / Hat, $ 3.900, di Dior Men / Rings, $ 2.120 (sulla mano sinistra) e $ 3.050 (sulla mano destra ), di Cartier





Solo un paio di settimane dopo, Netflix ha rilasciato Da 5 Sangue, il progetto che aveva unito l'attore e il regista, in cui Majors interpreta un figlio separato che si unisce al padre e ad altri tre veterani in un viaggio di ritorno in Vietnam. Mentre erano sul set l'anno scorso, Majors ha iniziato a riflettere seriamente sul tipo di momenti che definiscono le generazioni. Un progetto in Vietnam può suscitare questo tipo di elucubrazioni, specialmente per qualcuno che è cresciuto come Majors. Suo padre era in Desert Storm; suo nonno materno in Corea e Vietnam, suo nonno paterno nella seconda guerra mondiale. Ma la sua epoca era diversa. Le oscure guerre americane in Medio Oriente si sono trascinate durante la sua adolescenza, ma non c'era una causa chiara che abbia segnato la sua generazione. Non fino alla scorsa estate, quando l'energia collettiva e lo scopo che ha visto nelle strade hanno rivelato un momento di grande opportunità. Questa è la nostra guerra in questo momento, dice Majors, che ha compiuto 31 anni a settembre. E mi sento molto attivo, e un po' arruolato.

Essendo uno degli attori più eccitanti di Hollywood, Majors è in missione per offrire un nuovo tipo di film epici che stanno incidendo l'esperienza dei neri americani nel suo giusto posto nel canone. Sono storie che sente che il paese è finalmente pronto ad affrontare. Abbiamo raggiunto un punto in cui siamo tutti un po' affamati, dice. Vogliamo che la narrazione venga raccontata. Vogliamo che sia veritiero. L'era dell'autenticità è ormai alle porte.



Questa ambizione è stata giocata nei ruoli che hanno iniziato a renderlo una star, quelli che finalmente rendono gli uomini di colore personaggi centrali nell'arazzo americano. Come Mont, il sensibile drammaturgo in L'ultimo uomo di colore a San Francisco —Il successo indie a basso budget ma molto amato del 2019 che ha stabilito il suo nome—scruta le forze della violenza delle gang e della gentrificazione. Come David, figlio di un veterano del Vietnam, in Da 5 Sangue, fa i conti con il trauma unico che affligge una generazione di militari neri. Nei panni di Atticus, protagonista della nuova serie HBO Paese di Lovecraft, è alle prese con il bigottismo e il terrore di Jim Crow. E come Nat Love, il pistolero del XIX secolo in Più duramente cadono, il progetto su cui sta lavorando ora, sta riscrivendo il mito imperfetto del cowboy americano.

In ognuno di questi progetti, Majors sta anche facendo qualcosa di più: creare personaggi indelebili attraverso una rara combinazione di abile poesia, energia cinetica e una sorta di spiritualità sempre presente. Era da un po' che non ne vedevamo uno, dice Jeymes Samuel, che ora lavora con Majors come direttore di Più duramente cadono. Riconosce certi grandi paragoni. La gente dice che è il nuovo Denzel, come se ci potesse essere un solo grande attore nero, dice. Ma Samuel preferisce sottolineare la singolarità del talento di Majors: tutti dovrebbero vedere che Jonathan Majors è il nuovo Jonathan Majors.


Guarda ora:

10 cose di cui Jonathan Majors non può fare a meno

A febbraio, quando il mondo era un posto diverso, Majors arrivò a Santa Fe per iniziare a lavorare al film. È stato un progetto elettrizzante: un western tutto nero, con Idris Elba, che Jay-Z stava producendo per Netflix con un budget dichiarato di $ 90 milioni. Era stato scelto come protagonista: il leggendario schiavo diventato cowboy Nat Love, alias Deadwood Dick, un pistolero che, dopo aver appreso che l'uomo che ha ucciso i suoi genitori (Elba) è stato scarcerato, si riunisce con la sua vecchia squadra di fuorilegge per esatto la sua punizione. Il film segna il debutto alla regia di un lungometraggio di Samuel, un cantautore noto anche come The Bullitts (e come il fratello minore di Seal), che ha collaborato con Jay-Z alla colonna sonora di Il grande Gatsby. È stato un raro assemblaggio di talenti per un nuovo tipo di film, che prometteva di rinvigorire l'intero genere occidentale, ma la produzione è stata ridotta dalla pandemia poco prima dell'inizio delle riprese. Uno dopo l'altro, il cast e la troupe hanno lasciato Santa Fe e sono tornati a casa. Decisero di riprovare in autunno.

La gente dice che è il nuovo Denzel, come se ci potesse essere un solo grande attore nero. Tutti dovrebbero vedere che Jonathan Majors è il nuovo Jonathan Majors.
- Il regista Jeymes Samuel

Ma Jonathan Majors è rimasto. Raggiunto tramite Zoom, è nel cortile della casa che sta affittando, concentrato e calmo con indosso una giacca di jeans sbiadita e un berretto bordeaux. È un lunedì mattina fresco e la musica gospel suona dolcemente dal suo computer. Majors, molti dei cui amici lo chiamano Jai (pronunciato Jay), è in un limbo ormai da mesi, ma sembra a casa, forse perché, da vero eroe del Vecchio West, non gli dispiace essere un vagabondo. Preparati, fai il lavoro, e poi, se Dio vuole, me ne vado da qualche altra parte, dice. Mia figlia è ad Atlanta, quindi ci torno sempre.