Trump non vuole assolutamente che nessuno veda i suoi voti al liceo

Secondo un nuovo rapporto, Donald Trump si è affrettato a nascondere la sua trascrizione del liceo dopo aver chiesto a Obama di rilasciare la sua.

La scorsa settimana, quando l'ex avvocato di Donald Trump, Michael Cohen, ha testimoniato davanti al Congresso, ha mandato in onda una buona parte dei panni sporchi del suo ex capo, dal coinvolgimento di Trump nel pagare Stormy Daniels alla sua totale mancanza di fiducia nell'intelligenza del figlio maggiore. Ma uno dei dettagli più insignificanti che è emerso è stato il lavoro di Cohen per assicurarsi che i voti scolastici di Trump non vedessero mai la luce del giorno.

Durante l'udienza, Cohen ha presentato una lettera che ha scritto nel maggio 2015 alla Fordham University, dove Trump è andato a scuola prima di trasferirsi alla Wharton dell'Università della Pennsylvania, minacciando azioni legali se i voti di Trump fossero mai diventati pubblici. Questo è successo poco prima che Trump dichiarasse la sua candidatura e diversi anni dopo che Trump ha chiesto di vedere la trascrizione del liceo dell'allora presidente Barack Obama per dimostrare che non era stato uno 'studente terribile'.



Ma a quanto pare la scrittura di Fordham di Cohen non è stata la prima volta che Trump ha fatto pressioni su una delle sue alma mater per assicurarsi che i suoi documenti accademici fossero tenuti segreti. Una nuova storia dal Washington Post riferisce che nel 2011, la sua vecchia scuola superiore, la New York Military Academy, l'allora preside è stato spinto per assicurarsi che nessuno sarebbe stato in grado di accedere ai record di Trump dal suo tempo da studente. Dal Inviare :



Il sovrintendente della scuola privata venne da me in preda al panico perché era stato avvicinato da importanti e ricchi ex studenti della scuola che erano amici di Mr. Trump e che volevano mantenere segreti i suoi registri, ha ricordato Evan Jones, il preside dell'epoca. Ha detto: 'Devi andare a prendere quel disco e consegnarmelo perché devo consegnarlo a loro'.



Il sovrintendente, Jeffrey Coverdale, ha confermato lunedì che i membri del consiglio di amministrazione della scuola inizialmente volevano che consegnasse loro i documenti del presidente Trump, ma Coverdale ha detto di aver rifiutato.

Mi sono state date direttive, parte delle quali potevo seguire ma parte delle quali non potevo, e questo era consegnarle ai fiduciari, ha detto. Li ho spostati altrove nel campus dove non potevano essere rilasciati. È stata l'unica volta che ho spostato i dischi di un alunno.