La reazione a catena di Versace prende la casa che Medusa ha costruito nel 2018

Il designer Salehe Bembury spiega in dettaglio come 2 collegamenti Chainz, LinkedIn e Cuban hanno portato alla sneaker più ondulata sugli scaffali quest'anno.

La storia della sneaker più selvaggia del 2018 inizia, tra tutti i luoghi, su LinkedIn. Sono davvero affascinato dal modo in cui la generazione dei nostri genitori, per fare rete, doveva andare ai mixer e distribuire biglietti da visita e stringere la mano, mi dice Salehe Bembury. Basti dire che Bembury, che è stato il capo designer di scarpe da ginnastica di Versace dallo scorso autunno, non ha ottenuto il suo concerto con un biglietto da visita a guscio d'uovo. Invece, ha contattato un regista di Versace sul social network, proponendo alla casa di moda italiana, un ritardatario dell'ondata di sneakers firmate ad alto numero di ottani, di partecipare a una riunione.

Non mi aspettavo di sentire nulla in risposta, ma l'ho fatto, dice, senza sembrare terribilmente sorpreso. E si è trasformato in, Dovresti venire a Milano . Alla fine, quel viaggio a Milano avrebbe fruttato un'offerta di lavoro, e poi quella sneaker: la Versace Chain Reaction. Quella scarpa è la sneaker più interessante del marchio... di sempre, e facilmente. Ma è anche qualcosa di più: un design davvero nuovo in un settore che gioca sempre più a imitare; l'ultimo tiro al volo nel tentativo del mondo dell'alta moda di colonizzare il business delle sneaker; e un nuovo biglietto da visita per Bembury, uno dei giovani designer più entusiasmanti dell'azienda, che emerge nel momento perfetto in cui il designer di sneaker è diventato un ruolo rivolto al pubblico.



È un eufemismo dire che Chain Reaction, uscito ad aprile, sembra poco altro sul mercato. Certo, è una scarpa estremamente grande, l'ultima sneaker da $ 500 e più che potresti descrivere come grossa o indebitata da papà. Ma è anche un oggetto stranamente seducente. C'è la tomaia di qualità Versace, la rete ariosa e la pelle scamosciata ruvida e la pelle dall'odore costoso e la plastica in qualche modo lussuosa a strati come un dannato tiramisù, in marrone chiaro e bordeaux, o rosso e blu reale, o un tartan verde: un tripudio di colori e consistenza che appartiene a La casa degli extra di Donatella . E poi c'è il fatto che la tomaia poggia su una suola Stay Puft, una che a un'ispezione più attenta si rivela essere, come suggerisce il nome, una catena a maglie cubane girata su un lato. Il motivo Greca ispirato alla villa di Versace fa la sua apparizione, così come un paio delle famose Meduse della casa, insieme al braille per amore, perché no? La Chain Reaction sembra meno una sneaker che un pezzo di scultura astratta. Dimentica un cane palloncino di Jeff Koons: una sneaker da mille dollari che sembra una versione cartone animato di se stessa non spiega ancora più efficacemente il nostro bizzarro momento moderno?

L'immagine può contenere Abbigliamento, abbigliamento e calzature L'immagine può contenere Abbigliamento e capi di abbigliamento

Bembury si descrive come un secchione delle sneaker, ma ha studiato design industriale per intraprendere una carriera propria. Avevo paura che se avessi seguito la moda, sarei stato incasellato e avrei dovuto occuparmi di moda, mentre con il design industriale puoi laurearti e disegnare una tazza, un'auto o una scarpa, dice. Il curriculum lo ha lasciato con un'ampia comprensione della tipografia, dello spazio bianco e del design grafico, tutti i tipi di cose che non avresti necessariamente imparato in un programma di moda e tutti, per coincidenza, i concetti che esplora nella reazione a catena. E questo non è l'unico modo in cui la scarpa funge da culmine dell'educazione di Bembury.

Dopo il college ha lavorato da Payless, dove, si dice, ha dovuto familiarizzare con la progettazione di ogni tipo di scarpa, e poi da Cole Haan, dove ha lavorato al programma LunarGrand del marchio: le scarpe eleganti con suole dai colori vivaci di Nike , società madre di Cole Haan. Da lì è passato a Yeezy di Kanye West, contribuendo al design delle scarpe per le stagioni 3 e 4 e preparandosi per un salto nei grandi campionati. Al momento, è stato un po' frenetico, spiega, tipicamente sottostimato. Ma guardando indietro, ho sicuramente imparato molto. E credo anche che lavorare per Yeezy fosse il trucco mentale Jedi di cui avevo bisogno per entrare nello spazio dell'alta moda.

Cosa che ha fatto. (Ancora: via LinkedIn .) Il suo piano iniziale era di andare a Milano con un breve rapporto sulle tendenze, ma poi alcuni amici esperti hanno pesato. Un amico ha suggerito che il lavoro di progettazione di campioni avrebbe mostrato le sue braciole. Un altro lo ha incoraggiato a fare ricerche di mercato. E un terzo ha spiegato che non c'erano troppe persone che mi assomigliavano in quello spazio, quindi dovrei prenderlo sul serio, e che potrebbe essere più grande di me, e che potrei aprire la strada. Quindi ha fatto i compiti e quella che sarebbe stata una presentazione di tendenze di due o tre pagine si è trasformata in una presentazione di 40 pagine su, tipo, qualunque cosa .