Westworld Stagione 1, Episodio 1 Riepilogo: Queste delizie violente

Un tuffo profondo nei segreti e nelle sorprese del nuovo ambizioso dramma fantascientifico della HBO.

Nella sua prima incarnazione, nessun genere si basava più su una moralità in bianco e nero, buono contro cattivo rispetto al western. Gli eroi indossavano cappelli bianchi e i cattivi vestivano di nero. Quando il cattivo ha sparato all'eroe, è stata solo un'altra opportunità per mostrare quanto fosse duro facendo spallucce. E quando l'eroe ha sparato al cattivo, è stato sempre incruento e sempre giustificato.

Westworld, il parco a tema al centro della nuova avvincente serie HBO con lo stesso nome, promette ai suoi ospiti l'opportunità di recitare quella fantasia. Quando arrivi in ​​città, potresti essere fermato da uno sceriffo, che ti chiede se ti unirai a un gruppo formato per rintracciare un pericoloso fuorilegge. Oppure potresti imbatterti in Dolores Abernathy (Evan Rachel Wood), l'allegra figlia di un uomo di legge in pensione. Potresti anche avere la possibilità di giocare tu stesso il cappello bianco, salvando la città estraendo una pistola e sparando a un gruppo di banditi.



Ma questo non è tuo solo opzione. Per prendere in prestito un cliché che probabilmente vedresti in uno dei loro spot, Westworld è limitato solo dalla tua immaginazione. Vuoi passare l'intera giornata a frequentare prostitute robot stranamente realistiche in un bordello? Questa è un'opzione. Vuoi girovagare sparando a chiunque si metta in mezzo? Questa è un'opzione. Vuoi trascinare Dolores, l'allegra figlia di un avvocato in pensione, in un fienile per i capelli e violentarla? Anche questa, come vediamo nella scena più orribile della premiere, è un'opzione.



In pratica, il primo episodio di Westworld finisce per sembrare due spettacoli correlati: il dramma sul campo degli eventi quotidiani all'interno del parco a tema - visto, in modo piuttosto intrigante, quasi interamente dal punto di vista di robot come Dolores Abernathy e Teddy Flood (James Marsden) - e il dramma dietro le quinte dei tecnici che gestiscono il parco da lontano, assicurando che questa illusione occidentale sia perfettamente mantenuta per i loro facoltosi ospiti.



Westworld potrebbe eventualmente invitare Battlestar Galactica -esque scrutinio su quali personaggi 'umani' siano in realtà robot sotto copertura, ma la premiere sostanzialmente lo interpreta chiaramente. All'inizio dell'episodio, incontriamo Dolores, la cui non umanità diventa chiara quando una mosca domestica le atterra sul viso, apparentemente inosservata, e striscia proprio sopra il suo bulbo oculare.

Questa è la nostra prima introduzione a uno dei precetti chiave su cui Westworld continua a canticchiare: al fine di garantire la sicurezza degli ospiti, i robot - o 'ospiti', nel gergo aziendale - sono programmati per essere assolutamente incapaci di danneggiare qualsiasi persona vivente creatura. Un ospite umano può finire in una rissa da saloon o in una sparatoria con un ospite, ma il gioco è truccato; puoi farli a pezzi o riempirli di buchi, ma non possono fare nulla per farti del male. E se questo ti sembra un po' orribile e da incubo... beh, stai iniziando a pensare a cosa Westworld si tratta in realtà di. In un tema che richiama direttamente Jurassic Park -il altro La storia di Michael Crichton su un parco a tema andato storto: i tecnici di Westworld sono così preoccupati se può che non si fermano a pensare se dovrebbero .



Lo stesso Westworld è nato da un'idea del dottor Robert Ford, interpretato da Anthony Hopkins (e chiamato, in modo piuttosto sinistro, dopo il famigerato 'codardo' che ha sparato al fuorilegge Jesse James). Circa 30 anni prima degli eventi dello show televisivo, il Dr. Ford ha creato le prime versioni dei robot che popolano Westworld, ma mentre continua ad armeggiare per rendere i nuovi modelli sempre più realistici, il parco a tema stesso è stato sequestrato e mercificata da uomini d'affari in un parco giochi per ricchi stronzi. Il secondo in comando del Dr. Ford è Bernard Lowe (Jeffrey Wright), un brillante programmatore che funge anche da personaggio POV, navigando in un delicato panorama aziendale popolato da una serie di interessi in competizione: Theresa Cullen (Sidse Babett Knudsen), la no- donna senza senso incaricata di mantenere il parco senza intoppi ogni giorno; Lee Sizemore (Simon Quarterman), l'arrogante idiota che scrive le sceneggiature che seguono i robot di Westworld; e Ashley Stubbs (Luke Hemsworth), il capo della sicurezza sornione e vagamente sinistro. Tutte queste persone nascondono programmi segreti, in particolare Theresa Cullen, che sembra essere ampiamente considerata come l'architetto del futuro di Westworld. (E per quanto riguarda i vaghi, minacciosi brontolii sui piani più grandi che 'la direzione' ha per la tecnologia dei robot del parco: è chiaramente militare, giusto? In storie come questa, è sempre militare.)