Cosa faremo con tutta questa nostalgia?

La vendita ad ABG si è ufficialmente chiusa venerdì mattina.

Questa mattina, nel tribunale fallimentare degli Stati Uniti di Poughkeepsie per il distretto meridionale di New York, il giudice Cecelia Morris ha approvato ufficialmente la vendita di Barneys New York a Authentic Brands Group, o ABG, specializzato in accordi di licenza per marchi e celebrità entrambi morti (Elvis Presley , Marilyn Monroe) e vivente (Shaquille O'Neal). ABG prevede di chiudere la maggior parte, e forse tutti, dei sette negozi rimanenti di Barneys in città tra cui New York, Beverly Hills e San Francisco, e concederà in licenza il nome di Barneys a Saks Fifth Avenue, che potrebbe aprire Barneys come una sorta di negozio- Nel negozio. In un comunicato stampa, ABG ha affermato che il negozio di Madison Avenue passerà a un'esperienza di vendita al dettaglio pop-up che sarà that resta aperto ancora per un anno . ABG intende anche aprire un nuovo negozio indipendente.

Circa 2.300 dipendenti potrebbero perdere il lavoro e New York perderà un negozio iconico che a malapena sapeva di avere.



Poco dopo le 10 del mattino ascoltando, @SaveBarneys, una campagna alimentata dalla nostalgia guidata dall'impresario di fiere e investitore di Kith Sam Ben-Avraham, che sperava di mantenere aperti cinque dei negozi e riportare il negozio specializzato a qualcosa del suo antico splendore, ha pubblicato un messaggio che avrebbe non presentare l'offerta concorrente che sperava di mettere insieme venerdì mattina:



Un portavoce diretto tinews a questo post quando raggiunto per un commento. Nel giro di un'ora, l'account ha cambiato nome in @thespiritofbarney [sic].



Barneys non era Barneys da molto tempo, come tinews segnalato quando il negozio ha presentato istanza di fallimento all'inizio di agosto . Anche Ben-Avraham lo sapeva. In un'intervista a tinews da ottobre ha raccontato la storia ormai familiare di 15 anni di sovraespansione e la perdita del punto di vista distintivo dell'azienda. La nicchia della moda e della vendita al dettaglio che ha seguito senza fiato la saga di Barneys sui social media è cresciuta rapidamente quando Ben-Avraham ha lanciato @SaveBarneys e ha sfruttato il supporto di influencer e nomi audaci del settore. Il suo progetto ha sollevato una domanda che è sempre più comune nella New York di oggi: puoi avere nostalgia di qualcosa che non hai mai vissuto davvero?

Ex co-ceo e direttore creativo di Barneys New York Gene Pressman—nipote dell'omonimo Barney, la cui famiglia ha venduto il restante 2% della società nel 2004 - ha detto in un'intervista telefonica stamattina di aver salutato il fantasma di Barneys molto tempo fa. Mi dispiace per i dipendenti, ha detto. Non per me, non per la mia famiglia. Mi dispiace per la città, perché so che la città ha avuto una storia d'amore con Barneys, perché Barneys è stata una storia di New York, per quasi cento anni. Barney, ha precisato, era un ragazzo povero del Lower East Side, che nel 1923 aprì un discount a Chelsea, che non era la galleria grintosa e poi sfarzosa e l'hotspot condominiale di lusso che divenne negli anni '80 e '90, quando Fred Pressman, figlio di Barney, decise di trasformare il negozio in un tempio del gusto eccentrico e della moda europea sconosciuta. È stato il primo negozio a portare Armani negli Stati Uniti e Gene ha portato avanti l'eredità, scoprendo designer come Azzedine Alaïa e Dries Van Noten. Lavorando con l'architetto Peter Marino, Gene riempì il negozio di pannelli in legno e acquari, e arruolò il defunto Glenn O'Brien come direttore creativo nei primi anni '90. La famiglia Pressman ha creato un'esperienza di vendita al dettaglio che aveva tutto il dramma, l'esclusività e lo stile di andare in una discoteca, dove trovavi il prossimo grande vestito invece della prossima storia d'amore bollente. E aveva tutta la fallibilità che ne deriva: il negozio ha dichiarato bancarotta nel 1996. Era davvero un negozio di New York, costruito da una famiglia di New York, ha detto Gene. Non posso parlare per loro, ma penso che i newyorkesi sarebbero piuttosto tristi per questo giorno. E in un quadro più ampio, è triste per la vendita al dettaglio di moda.