Cosa possono insegnarti Burt Reynolds e il suo tappeto di pelle d'orso sui selfie a torso nudo

L'attore ha bisogno di salire a bordo con la sua iconica immagine di nudo.

Burt Reynolds, l'attore baffuto che ha recitato in classici come Notti Boogie , Smokey e il bandito , e Liberazione —è diventato un avatar per un marchio molto virile e molto losco della mascolinità degli anni '70 quando è diventato il primo uomo mai farsi fotografare nuda per una grande rivista. L'immagine è stata pubblicata nel numero di aprile 1972 di Cosmopolita , e da allora è stato ampiamente imitato e deriso. Tutti, da Will Ferrell al Burger King ne ha parodiato. E più di 40 anni dopo l'originale, Ryan Reynolds (nessuna parentela) si è adagiato in una posa simile per prendere il prima foto promozionale per Piscina morta .

Lo scorso novembre, Reynolds detto Cosmopolita che non ci volle molto perché l'allora direttore della rivista, Helen Gurley Brown, gli vendesse l'idea. 'Helen credeva che le donne avessero gli stessi' appetiti visivi ' degli uomini, che guardavano le donne nude in Playboy dal 1953. Voleva la stessa prerogativa per le donne', ha detto. 'Ero lusingato e incuriosito. Vorrei poter dire che volevo mostrare il mio sostegno ai diritti delle donne, ma ho pensato che sarebbe stato divertente.'



Avanti veloce di circa quattro mesi, e Reynolds ora pensa che posare per la foto sia stato 'davvero stupido'.



che tipo di biancheria intima piace alle donne sugli uomini?

'Vorrei davvero non averlo fatto', lui disse durante un'intervista con AOL a South by Southwest. 'Devo essere sincero, ero totalmente stordito quando ho fatto la foto. Quello stupido sorriso, ecco cos'è, lo sai».



Ed ecco dove arriviamo alla lezione di oggi: non ha molto senso preoccuparsi delle immagini nude che hai scattato in passato, indipendentemente da quanto eri ubriaco quando le hai scattate. (L'attore ha anche ammesso di Cosmo che ha comprato due litri di vodka mentre andava alle riprese e ne ha finito uno prima che il fotografo si mettesse al lavoro.)

A suo modo, il ritratto di Reynolds ha inaugurato una nuova era di oggettivazione maschile, il cui risultato finale è la nostra incapacità collettiva di scorrere la scheda Esplora di Instagram senza vedere almeno un selfie di un tizio a torso nudo che si flette. E questo non è necessariamente qualcosa di cui vergognarsi. In effetti, per fare una foto come questa, è un po' avere per essere davvero orgoglioso di come appari in primo luogo.



Quindi, invece di considerare questa immagine seminale e importante come un motivo per cui Reynolds china la testa per la vergogna, andremo nella direzione opposta e lo ringrazieremo per aver avuto le palle per lasciar andare tutto e ispirare il resto noi con il coraggio o una percentuale di grasso corporeo socialmente accettabile per fare lo stesso.