Dove mangiare, dormire e bere a Koreatown, il quartiere più cool di Los AngelesA

Dopo alcuni giorni di tacos, birre, karaoke e barbecue nella Koreatown di Los Angeles, ti renderai conto che non vuoi andartene e, fortunatamente, non devi.

Cresciuto a Los Angeles, Conoscevo Koreatown soprattutto come il quartiere in cui ero stato bar mitzvah. (Grida al Wilshire Boulevard Temple!) Come molte grandi città, L.A. è davvero un gruppo di comunità autonome: i dirigenti dei film di Westside possono andare in spiaggia, gli hipster di Eastside devono avere colpire ciotole a Silver Lake, e mai i due si incontreranno. A meno che tu non sia a Koreatown, cioè, dove i due si incontrano ogni notte davanti a una pentola ribollente di galbi jjim , accompagnato da più brocche di birra e inseguito con una mezza dozzina di tacos per scongiurare i giri.

L'immagine può contenere persona umana sport sport golf mini golf e tenda

L'elevato driving range di Aroma potrebbe convincerti a rinunciare al golf a livello del mare.



Danielle Rouillard

Quando finalmente mi sono trasferito a K-town l'anno scorso dopo quasi un decennio sulla costa orientale, mi ci sono volute circa 24 ore - e una quantità irresponsabile di cibo sfrenato e birra perfettamente ghiacciata - per rendermi conto di quanto mi ero perso. Queste tre miglia quadrate costituiscono uno dei terreni più strani, alcolici e diversificati d'America, grazie soprattutto a generazioni di residenti latini e coreani che hanno aperto una serie di bar e ristoranti da brivido. E il meraviglioso, improbabile, Può davvero essere L.A.? parte: Non hai nemmeno bisogno di una macchina.

L'immagine può contenere Human Person Pub Bar Counter Worker and Bartender

I baristi del The Walker Inn sono alla moda, sì, ma non sono più alla moda di te.

alloggerete a La linea , l'hotel che ha ancorato tutto ciò che è nuovo e cool nel quartiere sin dall'apertura nel 2014; le sue finestre dal pavimento al soffitto sono responsabili di tutte le emoji sbavanti di Instagram dei tuoi amici. Potresti passare un intero fine settimana qui, cenando sul tetto della leggenda locale Roy Choi Commissario e bere al bar della hall, che diventa un alveare nelle notti del fine settimana e vende le ali dolci e appiccicose di Choi. Ma se non te ne fossi mai andato, non avresti potuto bere a Dan Sung Sa : un pub coreano coperto di graffiti indelebili, le cabine che circondano una griglia centrale che cucina piedi di pollo fumanti, torte di riso croccanti appiccicose e formaggio di mais letale. (È formaggio, con mais, in un ristorante coreano in una città con una massiccia popolazione messicana. Il presidente rabbrividisce). Il principe , dove l'unica cosa migliore del bar a ferro di cavallo e degli interni retrò è il pollo fritto coreano. mancherai anche a te The Walker Inn , l'eccellente cocktail segreto nascosto dietro l'eccellente cocktail pubblico Il Normandie Club . Quindi, sai, assicurati di lasciare l'hotel.

E quando lo fai, blocca il tempo per colpire Sun Nong Dan per quello galbi jjim, e Guelaguetza per un neo incredibilmente scuro, e Ecco ti sta guardando per il tipo di menu sempre rotante di piccoli piatti che confermerà che sei nella più grande città del cibo d'America. Brucia la cena schiacciando palline da golf sul campo pratica di quattro piani a Aroma Spa e sport , un utile promemoria che un futuro che assomiglia Blade Runner non è necessariamente un male. E poi, perché questa è Koreatown, canta al karaoke a Café Brass Monkey . Sarà rumoroso e vagamente a tema tiki, e le bevande saranno un po' troppo forti. Finisci la tua notte alla vecchia immersione HMS Bounty , che sembra non dissimile da una vecchia nave di legno. Brinderai a Tecates con qualcuno di qualche decennio più grande di te, e poi con una modella e poi con uno skater. È una notte di fine settimana a Koreatown, il quartiere più selvaggio di tutta Los Angeles, e già questo è motivo di festa.

L'immagine può contenere cibo pasto e pranzo

Il cibo di Guelaguetza è ancora più audace delle sue tovaglie.

Questa storia è apparsa originariamente nel numero di novembre 2017 con il titolo 'How Koreatown Became the Cool Center of L.A.'