La Casa Bianca ha appena ammesso un Quid Pro Quo con l'Ucraina in diretta TV

In una conferenza stampa alla Casa Bianca, il capo dello staff di Trump ha detto ai giornalisti: 'Lo facciamo tutto questo tempo con la politica estera'.

Nell'ultimo mese, la difesa della Casa Bianca della telefonata scandalistica di Donald Trump con il presidente ucraino si è basata su un argomento sottile: non c'era alcun quid pro quo. Trump stava chiaramente chiedendo a Volodymyr Zelensky di indagare sui rapporti d'affari del figlio di Joe Biden in Ucraina in cambio dell'aiuto promesso, ma lui e i suoi sostituti hanno affermato che non è abbastanza esplicito. Apparentemente, finché nessuno dice le parole 'quid pro quo', non c'è nulla di male nel chiedere a una potenza straniera di scavare nella sporcizia sui rivali politici del presidente. Ovviamente lo stesso Trump ha gravemente danneggiato il suo caso ammettendo di aver fatto pressioni su Zelensky per indagare su Biden, di fronte ai giornalisti sul prato della Casa Bianca.

Giovedì, in una conferenza stampa alla Casa Bianca, il capo dello staff ad interim Mick Mulvaney ha dato fuoco a quella fragile affermazione. Parlando con i giornalisti, Mulvaney ha detto che l'amministrazione stava trattenendo gli aiuti militari per l'Ucraina fino a quando Zelenksy non ha aperto le indagini sul ruolo del paese nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016 perché Trump apparentemente sospettava che un server con email presumibilmente mancanti di Hillary Clinton fosse detenuto da un'azienda lì. . 'Il ripensamento a quello che è successo nel 2016 era certamente parte della cosa di cui era preoccupato nella corruzione con quella nazione', ha detto Mulvaney. Ha aggiunto: 'E questo è assolutamente appropriato'.



Jonathan Karl di ABC News ha poi parlato, dicendo: 'Per essere chiari, quello che hai appena descritto è un quid pro quo. È, 'i fondi non fluiranno a meno che l'indagine sul server democratico non avvenga.''



Mulvaney ha risposto: 'Lo facciamo sempre con la politica estera. Allo stesso tempo, stavamo trattenendo denaro per, che cos'era, i paesi del Triangolo del Nord,'—Hondura, Nicaragua, El Salvador—'in modo che cambiassero le loro politiche sull'immigrazione.



Naturalmente, questa non è la stessa cosa. Nel bene e nel male, è pratica comune per gli aiuti esteri degli Stati Uniti dipendere dalle condizioni politiche, ma è una cosa completamente diversa - potresti chiamarlo, un reato impeachable - per un presidente che chiede che un altro paese indaghi sui suoi avversari politici. Mulvaney non ha mai toccato questa distinzione.

La ribelle difesa di Mulvaney e l'esplicita ammissione di un quid pro quo sono un ulteriore grattacapo per una Casa Bianca che sembra ogni giorno più in pericolo. Mercoledì, il segretario all'energia Rick Perry ha detto al giornale di Wall Street che Trump lo ha incaricato di lavorare tramite il suo avvocato personale Rudy Giuliani su qualsiasi questione relativa all'Ucraina, e Gordon Sondland, ambasciatore di Trump presso l'Unione europea, ha testimoniato lo stesso davanti al Congresso. Sondland ha sottolineato che Trump ha detto di non volere un quid pro quo, detto, 'Ho chiesto al presidente: 'Cosa vuoi dall'Ucraina?' Il presidente ha risposto: 'Niente. Non c'è quid pro quo». Il presidente ha ripetuto più volte: 'no quid pro quo'. Questa è stata una chiamata molto breve. E ricordo che il presidente era di cattivo umore».



Naturalmente, ora il presidente e il suo capo di gabinetto in carica lo hanno contraddetto. E per i giornalisti alla Casa Bianca, e per chiunque altro scoraggiato dall'idea che le preoccupazioni politiche influiscano sulla politica estera, Mulvaney ha inviato un messaggio conciso e chiaro: 'Ho notizie per tutti: lasciate perdere'.


Michael Kors in una festa in discoteca nell'armadio della moda

Come Michael Kors è diventato un impero

Per oltre quattro decenni è sopravvissuto al fallimento e Karl Lagerfeld è riuscito a diventare una potenza della moda con un impero globale. Come? Andando alla grande e facendo tutto.