Chi possiede un nome? Come il mercato di Chinatown del controverso marchio di streetwear è stato costretto a cambiare il proprio

Il clamore intorno al nome di Chinatown Market solleva interrogativi - sull'autenticità, l'appropriazione e la comunità - che hanno a lungo irritato il mondo dello streetwear.

Quando Mike Cherman ha fondato la sua etichetta di streetwear nel 2016, voleva che il suo nome riconoscesse le sue radici a New York City, dove è cresciuto. Il suo primo pensiero fu di chiamarlo Canal Street Market, dal vivace viale del centro noto ad alcuni per i venditori di beni di lusso contraffatti, un luogo che aveva visitato molte volte con la sua famiglia durante la sua infanzia. Quel nome, però, è stato preso. Quindi, in una decisione di una frazione di secondo che si sarebbe rivelata fatale, ha chiamato la sua nuova attività Chinatown Market, spostando l'attenzione sull'enclave etnica attraverso la quale scorre Canal Street.

Da allora, il mercato di Chinatown è cresciuto enormemente vendendo felpe con cappuccio, magliette, pantaloni della tuta decorati con stampe grafiche audaci come la sua firma, una faccina sorridente gialla demente. Il suo abbigliamento è conveniente, giovanile e ampiamente disponibile presso rivenditori come Urban Outfitters e Zumiez. In un'epoca di collaborazione senza precedenti, ha collaborato in modo insolitamente ampio: i partner inclusi The Grateful Dead, Lacoste, l'NBA e Mike Tyson. Due anni fa, al ComplexCon, ho visto Cherman camminare sul pavimento con un piccolo branco di giovani che lo seguivano, come un pifferaio hypebeast. Cherman, che è bianco, è una figura affabile e benvoluta nella comunità dello streetwear. Anche se del suo marchio non si parla con gli stessi toni riverenti di Supreme, i suoi design irriverenti, che spesso imitano o remixano motivi popolari di fascia alta, hanno attratto i clienti offrendo anche un commento ammiccante sul gioco di copia in corso della moda.



Ma le cose sono cambiate all'inizio di quest'anno, quando Chinatown Market, in particolare il suo nome, è diventato un punto focale in una discussione più ampia su streetwear, razza e appropriazione culturale. Per tutto il 2020 e fino a quest'anno, la crescente violenza rivolta alla comunità asiatico-americana ha messo il nome del marchio in una lente nettamente diversa, in quanto insensibile o sfruttatore. Cherman è stato rimodellato come un uomo bianco che si è preso la proprietà di uno spazio che non era suo da rivendicare. Dopo una serie di sparatorie ad Atlanta lasciato sei donne asiatiche morte, quello che era un rombo silenzioso si trasformò in un ruggito; i post su Instagram del marchio che condannano l'odio asiatico e annunciano una maglietta per la raccolta fondi sono stati ritenuti insufficienti. Un petizione online per cambiare il nome ha raccolto rapidamente le firme di noti sostenitori dell'industria della moda come il designer Phillip Lim, Humberto Leon di Kenzo e Opening Ceremony e l'influencer Bryanboy . dieta prada , il cane da guardia dell'industria dei social media amplificato il clamore , creando un effetto valanga di consapevolezza pubblica.

Il 29 marzo, meno di un mese dopo la pubblicazione della petizione originale, Chinatown Market e Cherman hanno pubblicato un aggiornamento sui rispettivi feed di Instagram. La comunità asiatica americana sta giustamente chiedendo a tutti noi di pensare e agire in modo più onesto, è leggere . Avremmo dovuto farlo prima, ma non è mai troppo tardi per fare la cosa giusta. Oggi annunciamo che stiamo cambiando il nostro nome. Stiamo lavorando con i nostri partner e rivenditori per donare i proventi dei prodotti esistenti e per finanziare organizzazioni non profit che collaborano con la comunità AAPI.

La realtà è, ha detto Cherman tinews ad aprile, dopo aver ascoltato le persone della nostra comunità, ci siamo resi conto che questo non è il nostro nome da avere.