Chi ha davvero ucciso il padre di Michael Jordan? Un nuovo documentario tenta di scoprirlo.

Il regista Matthew Perniciaro parla della ricostruzione del razzismo sistemico della Carolina del Nord negli anni '90 per 'Moment of Truth'.

La prima cosa che noti Momento della verità , la serie di documentari investigativi in ​​cinque parti di Matthew Perniciaro sull'omicidio del padre di Michael Jordan, James nel 1993, è l'abbondanza di materiale d'archivio rivelatore. Nel primo episodio, c'è James in un fermo immagine in bianco e nero, in privato con un sorridente Michael, la loro intimità che salta fuori dallo schermo. Alla fine dello stesso episodio vediamo Daniel Green, uno dei due uomini condannati per l'omicidio di Jordan, che rappa in una telecamera mentre indossa uno degli anelli All-Star di Michael. Attingere a un caveau sepolto di filmati della compagnia televisiva WRAL della Carolina del Nord ha permesso a Perniciaro e al suo team di mostrare sia il glamour che la grinta dei Carolina negli anni novanta.

come allenare i capelli per tornare indietro

Perniciaro utilizza questo filmato per dare un'altra occhiata al mistero decennale attorno alle circostanze dell'omicidio di James, che è stato a lungo avvolto in teorie cospirative che suggeriscono che fosse in qualche modo legato al gioco d'azzardo di Michael. (La famiglia Jordan non è stata coinvolta nel documentario e ha rifiutato le interviste.) Jordan è scomparso mentre guidava verso Charlotte una notte e non è stata denunciata per settimane; la sua Lexus rossa è stata trovata spogliata nei boschi un paio di settimane dopo, e il suo corpo è stato ritrovato sul fondo di un fiume a 60 miglia di distanza con una singola ferita da arma da fuoco al petto il giorno dopo, ma non è stato identificato per altri 10 giorni . Green, che all'epoca aveva 18 anni, e il suo migliore amico Larry Demery, 17 anni, sono stati arrestati perché avevano effettuato chiamate dal telefono dell'auto; Green ha mantenuto la sua innocenza dall'inizio fino ad oggi, mentre Demery ha ammesso di essere coinvolto, ma ha detto che Green ha premuto il grilletto. Entrambi gli uomini sono ancora in prigione, ma Demery sarà rilasciato nel 2023.



Quello che inizia come un ritratto empatico di James Jordan nel primo episodio prende un paio di svolte a destra, prima per esaminare il razzismo pervasivo e la corruzione nella contea di Robeson, nella Carolina del Nord, dove Green e Demery hanno vissuto e sono stati accusati, e poi per analizzare il caso principalmente dal punto di vista di Green, a cui è stato recentemente negato un nuovo processo. In definitiva, l'approccio del documento sembra un pizzico di L'ultimo ballo mescolato con una dose più pesante della prima stagione del podcast Seriale , in quanto si concentra sul rilevamento di incongruenze nelle prove che fanno breccia nella versione ufficiale degli eventi senza raggiungere una conclusione sorprendente.



Momento della verità appare su IMDb TV di Amazon il 2 aprile e il regista Matthew Perniciaro, cresciuto in North Carolina nello stesso periodo, ha parlato con tinews sulla realizzazione del suo documentario, su ciò che pensa sia realmente accaduto e su ciò che ha imparato sul razzismo sistemico durante i tre anni trascorsi a lavorare al film.



tinews : Qual è stato il tuo impulso per realizzare questo documentario?

Matteo Perniciaro: Sono cresciuto nella Carolina del Nord e questo caso è qualcosa di cui sono a conoscenza per la maggior parte della mia vita. Avevo 13 o 14 anni quando James Jordan è stato ucciso ed è stato riportato molto più pesantemente in North Carolina di quanto non sia mai stato a livello nazionale. Quindi è stato un momento davvero cruciale della mia giovane vita e mi è rimasto impresso per molti anni.

Sono sempre stato un po' sorpreso che nessuno avesse davvero pensato di approfondire tutto ciò che riguardava questo caso. La narrativa pubblica era molto uniforme all'epoca, ma ovviamente c'erano sempre molte domande e cose che non avevano senso che circondavano questo caso. E penso che questo abbia portato all'emergere di molte teorie della cospirazione, ma ho sempre avuto questa fastidiosa idea di quale fosse la verità.