Perché gli uomini gay sono i migliori capi?

Gli uomini gay sono i migliori capi

Solo tre mesi dopo l'inizio del suo incarico di senior manager in una società Fortune 500, Matthew Klein era fuori di testa. Alla fine sono entrato nell'ufficio del mio capo, ho alzato le mani in aria e ho detto: 'Mi sento totalmente sopraffatto e inadeguato', spiega. Ho praticamente avuto un crollo. Molti manager avrebbero reagito a una tale esibizione dicendogli di tornare là fuori e far crescere una coppia. Ma il capo di Klein ha avuto la reazione opposta: prima ha rassicurato Klein che stava facendo un ottimo lavoro, poi lo ha aiutato a dare priorità al suo carico di lavoro in modo che diventasse gestibile. Non è che sia questo tipo sfocato che si allungava sul tavolo e ti abbracciava in una riunione: è duro come le unghie, dice Klein di Robert Ollander-Krane, che è direttore dell'apprendimento e dello sviluppo per l'azienda. Ma mi ha permesso di essere completamente onesto riguardo alla mia situazione. Ora abbiamo questa enorme base di fiducia.

Non sarebbe carino, un capo a cui in realtà fregava qualcosa. E anche se non è conclusivo, le prove suggeriscono che uno dei motivi per cui Ollander-Krane è così efficace è che fa parte di una nuova razza, i manager gay, che potrebbero diventare i capi più desiderabili d'America.



Dalla redazione di Dettagli



Star Wars esamina l'ascesa di Skywalker

Nel Il quoziente G: perché i dirigenti gay eccellono come leader. . . e ciò che ogni manager deve sapere , l'autore e professore di business school della USC Kirk Snyder sostiene che i capi gay incarnano uno stile di attenzione personalizzata che consente a Gen Xers e Yers ad alta manutenzione di massimizzare le loro prestazioni. I dirigenti gay tendono a guardare a come ogni individuo porta abilità uniche e vedono il loro lavoro come capire come sfruttare al meglio quelle abilità, dice.



Infatti, durante lo studio quinquennale di Snyder sui dirigenti americani, si è imbattuto in alcune scoperte sorprendenti: i capi maschi gay producono livelli di coinvolgimento, soddisfazione e morale dei dipendenti dal 35 al 60 percento più alti rispetto ai capi eterosessuali. Questo non è un risultato da poco: secondo la società di consulenza sulle risorse umane Towers Perrin, solo un misero 14% della forza lavoro aziendale globale è completamente coinvolta nel proprio lavoro. E il Saratoga Institute, un gruppo che misura l'efficacia dei dipartimenti delle risorse umane, ha scoperto che in uno studio su 20.000 lavoratori che avevano lasciato il lavoro, la motivazione principale per abbandonare la nave era il comportamento dei loro supervisori.

Quindi cosa rende diversi i capi gay? Potrebbe avere a che fare con il modo in cui sono sopravvissuti al liceo. I gay devono costantemente schivare e tessere e valutare come e dove stanno andando mentre crescono, dice Snyder. E questo si manifesta come tre enormi abilità: adattabilità, comunicazioni intuitive e risoluzione dei problemi creativa. In altre parole, il tuo capo è d'accordo con la tua partenza un po' presto un giorno alla settimana per andare a prendere tuo figlio a scuola, o felice di offrire un'esperienza di apprendimento che ti aiuta a concludere un affare cruciale.



I dirigenti gay notano che la riflessione e la franchezza richieste per fare coming out significano che quando arrivano sul posto di lavoro, gli uomini gay sono spesso sicuri della loro identità e non sentono il bisogno di abusare delle persone per aumentare il loro ego. Ti rende davvero onesto con te stesso e con tutti quelli che ti circondano, afferma Chris McCarthy, vicepresidente di MTV Networks che ha fatto coming out 10 anni fa. Crede che l'esperienza gli abbia permesso di attingere alle esigenze individuali dei suoi sette membri del team, inclusi due dipendenti scontenti che ha recentemente aiutato a trovare nuove posizioni all'interno dell'azienda. Penso che sia davvero importante dare alle persone l'opportunità di avere rispetto per se stesse, anche se questo significa aiutarle a lasciare il lavoro nel modo in cui vogliono, spiega.

E questo tipo di stile di gestione empatico è sia gay che etero a vantaggio dei dipendenti. Quando Brian Wachur, 23 anni, non stava ottenendo la promozione che stava aspettando nella sua società di pubbliche relazioni di Washington, si è rivolto al suo manager gay, Jason Smith. Ero nervoso per quello che stava per dire, ma è stato in grado di dirmi dove potevo migliorare in un modo davvero costruttivo, dice. Era un grande contrasto con altri manager che avevo avuto in passato. Wachur ha presto ottenuto il nuovo titolo e ora considera Smith il suo mentore professionale. È decisamente sorprendente per me avere un maschio gay di 38 anni nella mia vita che ha un'influenza così grande.

kermit la rana e miss piggy sex