Winona per sempre

Alex Pappademas parla con la donna che ha rubato i nostri cuori e, ehm, altre cose

Winona Ryder tinews 2011

Marco Abrahams

Winona Ryder ha questo problema , e come i problemi vanno è abbastanza solidamente nella categoria del primo mondo, lo sa, ma è comunque un problema: avrà una conversazione con qualcuno, una conversazione interessante, il tipo che hanno due persone normali quando scoprono un reciproco ammirazione per, come, Philip Roth's pastorale americana o qualcosa. E poi all'improvviso la persona con cui sta conversando le dirà qualcosa che le ricorda che (per) lei è Winona Ryder, la famosa attrice, e (b) quasi tutti quelli che incontra hanno già 'questa idea' di chi è, pensano già di sapere tutto quello che c'è da sapere su di lei, più o meno. E inevitabilmente quando ciò accade, inizia a pensare a ciò che la gente pensa di sapere su di lei, il che non è mai una buona idea, e la conversazione non si riprende mai davvero.



Ed è interessante che ne stiamo parlando proprio ora, Ryder e io, perché da un'ora o giù di lì siamo seduti in un separé nel ristorante al pianterreno di un hotel di Manhattan, uno di quei lussi quasi purgatori anonimi schedari nei quartieri alti vicino al parco, e abbiamo avuto la conversazione di Philip Roth, metaforicamente parlando. Ryder, minuscolo, con un berretto da strillone, una maglietta del City Lights Bookstore e un groviglio di collane d'oro, ha parlato del Sega franchising e Michelle Pfeiffer e Alice non abita più qui e il motivo per cui è stata inventata la chaise longue (corsetti, svenimenti) e la melatonina e la sua cotta per il giovane Anthony Hopkins intorno al 1977 Audrey Rose . Mi ha raccontato storie imbarazzanti su personaggi famosi che meritano di sentirsi raccontare storie imbarazzanti su di loro.



(Un aneddoto di Mel Gibson: 'Ricordo, tipo, quindici anni fa, ero a una di quelle grandi feste di Hollywood. Ed era davvero ubriaco. Ero con il mio amico, che è gay. Ha fatto una battuta gay davvero orribile. E in qualche modo è venuto fuori che ero ebreo. Ha detto qualcosa su 'imbonitori di forno', ma non l'ho capito. Non l'avevo mai sentito prima. È stato solo un momento strano, strano. Ero tipo, 'È anti -Semita ed è omofobo.' Nessuno mi ha creduto!')



È stato fantastico, davvero. Ma tutto ciò che penso di sapere su Winona Ryder, famosa attrice, è come un buco nella mia tasca, e sto iniziando a chiedermi se lo stia facendo apposta, cercando di superare quel momento in cui riconosciamo il considerevole elefante della stanza popolazione. Quando allude agli elefanti, è di sfuggita, come se non sapessi che ci sono—dice cose come 'La mia prima relazione è stata molto pubblica' (non dire!) e batte le ciglia scuro e lussureggiante come marabù immerso nel nero di seppia, poi va avanti, e se è un gambetto sta funzionando abbastanza bene finora, onestamente.